Weekend con le castagne sull’appennino romagnolo

0
Condividi

Ottobre é il mese delle sagre della castagna in tanti paesi, ma anche il periodo della castagnata, che può essere un piacevole momento, divertente sia per i piccini sia per i grandi. Ecco qualche proposta nel territorio riminese e nei dintorni per una scampagnata all’insegna di colori e profumi d’autunno

Nel periodo autunnale i boschi dell’Appennino emiliano romagnolo offrono in abbondanza castagne e marroni, che fanno bella mostra di sé nelle tradizionali sagre di paese, dove ancor oggi si vivono le abitudini e le usanze di un tempo e dove si potranno acquistare i prodotti di stagione e degustare le ricette più sfiziose della tradizione.

Ottobre é il mese delle sagre della castagna in tanti paesi, ma anche il periodo della castagnata, che può essere un bel momento sia per i piccini sia per i grandi. Ecco qualche proposta nella zona riminese che merita di essere presa in considerazione.

1. Montefiore Conca

Domenica 21 ottobre nuovo appuntamento a Montefiore Conca con la Sagra della castagna. In occasione della 54° edizione dell’appuntamento autunnale con il prelibato frutto del bosco, il borgo della Valconca sarà animato da mercatini con prodotti tipici, stand gastronomici, castagne cotte e crude e musica per tutti. La Rocca Malatestiana per l’occasione accoglierà i golosi visitatori a orario continuato, per i più curiosi e appassionati un programma di visite guidate e spettacoli e avventura riserverà un affascinante tuffo indietro nel tempo.

2. Civitella di Romagna

A Civitella di Romagna torna con due appuntamenti la Festa della Castagna: il 21 e il 28 ottobre. La tradizionale sagra si svolge ogni anno nell’ambito dei festeggiamenti della Fiera dei Santi e propone numerosi stand gastronomici con prodotti tipici del luogo. La manifestazione intende valorizzare il prodotto delle colline e la produzione di dolciumi, tra i quali la tipica “panza”.

Dmenica 21 si tiene inoltre mostra di pittura di Mario Di Cicco nella Rocca e la presentazione del libro di Ernesto Toschi. Domenica 28, invece, allegria con la sfilata di cani di razza e il mercatino del riuso e opere d’ingegno.

3. Castel di Rio (Bologna)

LA SAGRA DEL MARRONE – Castel del Rio (Bologna) – Un tempo le castagne erano la base di ogni piatto della cucina autunnale quotidiana della popolazione contadina: una bella festa anima per quattro domeniche consecutive il borgo bolognese, tra profumi, tradizioni e delizie gastronomiche. Domenica 21 e 28 ottobre prosegue ‘La Sagra del Marrone’ a Castel di Rio con il tradizionale mercato dei marroni, mostre di prodotti, convegni tecnici, conferenze e serate di storia e cultura. I protagonisti, naturalmente, sono gli stand gastronomici, mentre ristoranti e trattorie propongono pietanze a base di marroni e castagne: dal castagnaccio alla polenta di farine di castagne.

4. Casola Valsenio (Ravenna)

Per il secondo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 ottobre, Casola Valsenio celebra la ‘Festa dei frutti dimenticati e del marrone’, con tante bancarelle in cui i contadini e le aziende agricole offrono il meglio dei frutti dimenticati e delle specialità autunnali a km zero, quali azzeruole, giuggiole, nespole, cotogni, pere volpine, mele della rosa, nespole, avellane, sorbe e corbezzoli.

5. Gatteo

Per l’undicesimo anno consecutivo una festa intera è dedicata all’autunno ed ai suoi inconfondibili e caratteristici sapori. La Piccola Festa d’Autunno e Antichi Sapori é in programma domenica 28 ottobre, dalle 14.30 a Gatteo.

Castagne e vin brulé sono due dei simboli tipici di questa stagione che saranno il cuore di una sagra addolcita da tanti dolci tipici romagnoli.

Chi di noi non è andato almeno una volta, magari da ragazzino con i genitori, a ‘castagnare’ nel bosco? E chi al ritorno, o al rientro a casa dopo una passeggiata al freddo non ha stretto volentieri tra le mani una tazza fumante di vin brulé, sorseggiandola piano piano per meglio gustare questa bevanda unica? La piccola festa d’autunno è l’occasione per rivivere questi momenti di convivialità che ci riportano ai tempi di quando eravamo bambini, fra tradizioni storiche e sapori unici.

6. Bagno di Romagna

Per quattro domeniche di ottobre Bagno di Romagna ospita quattro differenti Sagre enogastonomiche dedicate ai prodotti tipici locali dell’autunno. Si conclude domenica 28 ottobre, nel weekend del “Fall Foliage Festival” , con la “Sagra della Castagna”.

A Bagno di Romagna è possibile osservare i colori dell’autunno e assaporarne i prodotti, partecipando al “Fall Foliage Festival ”, una manifestazione dedicata alla natura che si svolge da sabato 27 e domenica 28 ottobre. L’evento vuole celebrare le bellezze del territorio e della sua cultura attraverso escursioni, visite guidate, momenti di approfondimento, laboratori, spettacoli e spazi dedicati all’arte e all’enogastronomia.

Sarà presente la Fiera Mercato d’autunno con stand gastronomici e tanti prodotti artigianali, dove si potranno gustare frutti di stagione, prodotti dell’orto, fiori d’autunno, salumi e formaggi, dolci, vini e birre artigianali.

Molto varie le iniziative proposte: escursioni trekking, bike e fotografiche, laboratori sui colori dell’autunno e sull’ambiente naturale, conferenze tematiche sulla Natura circostante, stand e mercatini del prodotto tipico e autunnale, intrattenimento musicale per le vie del paese, concorso tematico sull’autunno per gli artigiani locali. In aggiunta troverete menù tematici autunnali proposti dai ristoranti del paese.

Condividi

Comments are closed.