Una stagione per tutti i gusti al Teatro Villa

0
Condividi

Parte sabato 12 novembre il cartellone 2016/2017 del Teatro Villa a San Clemente, con una ricca programmazione dedicata alle famiglie. Tra le proposte ’Natale al Villa’, narrazioni e clownerie sotto l’albero, poi ’A teatro con mamma e papà’. Scopri tutti gli appuntamenti

Emanuela Grimalda

Emanuela Grimalda

La “piccola stagione del Villa” a San Clemente apre con il cartellone di Comico, con nomi di spicco e tanti modi diversi di ridere, offrendo al pubblico una “prima” regionale: l’amatissima e popolare Emanuela Grimalda sarà protagonista della serata di apertura, Sabato 12 novembre, con Le difettose, il nuovo spettacolo prodotto da La corte ospitale con la regia di Serena Sinigaglia. La Compagnia del Serraglio venerdì 18 novembre gioca in casa la carta delle grandi burle d’autore: Falso: l’avanguardia enogastronomica italiana, mentre il 25 novembre il palco è tutto per Giorgio Ganzerli, Con un’accetta piantata nel cervello, titolo irresistibile per un monologo comico assolutamente originale che utilizza tutti gli ingredienti del noir.

Alessandro Ciacci

Alessandro Ciacci

Il 2 dicembre il Villa rinnova l’appuntamento con la comicità lontana dai luoghi comuni in Stand up comedy – quattro comici, un palco, un microfono:  i “fantastici 4 “ sono gli efferati Valerio Airò, Martina Catuzzi, Alessandro Ciacci, Raymond Solfanelli. Alessandro Ciacci, giovane e arguta penna della satira riminese, sarà ancora protagonista il 9 dicembre con Officine Melampus al debutto (nuova versione 2016) della commedia The gag is on the table, frutto della residenza creativa presso il Teatro Villa. L’ultimo appuntamento ci introduce al progetto speciale Dialetto d’autore dedicato al “gemellaggio” virtuale fra i due grandi poeti vicini di casa, Giustiniano Villa e Odoardo Giansanti: Storie ad Vèlla e Pasqualòn, a cura di Mirco Gennari e Fabio Masini, con un ospite d’eccezione: il poeta pesarese Carlo Pagnini, in debutto assoluto il 16 dicembre.

Natale a Villa

Ritorna ‘Natale a Villa‘ con narrazioni e clownerie sotto l’albero: lunedí 26 dicembre e venerdí 6 gennaio 2017 il teatro Villa apre per le feste natalizie, offrendo alle famiglie due bei pomeriggi in teatro dove potersi scaldare attorno ai racconti e divertimento a tema.

Si parte lunedí 26 dicembre, alle 17, con il divertente e sorprendente racconto per tutti i bambini “Il signor Vento Tramontana“. Marcello Franca, in uno dei suoi cavalli di battaglia, ci racconta la fiaba di un povero contadino ridotto alla fame, ma fortunato per ciò che il vento gli ha donato.

La Compagnia del Serraglio / Città Teatro

La Compagnia del Serraglio / Città Teatro

Venerdì 6 gennaio, alle 17, é in programma “Mirtillo, Pizzico e la crostata… della Befana” di La Compagnia del Serraglio / Città Teatro (con Mirco Gennari e Giorgia Penzo e la partecipazione straordinaria di Francesca Airaudo). “Mirtillo, Pizzico e la crostata” il 6 gennaio non può che essere dedicato alla Befana. La Befana aspetta impaziente di gustare la crostata che ha ordinato a Mirtillo e Pizzico, i due clown pasticceri – e pasticcioni! – alle prese con la ricetta della crostata e con tutto quel che serve alla preparazione: farina, uova, burro, marmellata… pentolini, mestoloni, grattugie, palette… Tra pastrocchi e bisticci i due riusciranno magari anche a portare a termine la ricetta, ma – ahi ahi! – cosa uscirà dal forno? E la Befana rimarrà soddisfatta? Una curiosità: l’azione prende le mosse da un vero libro di ricette: Giochi, burro e marmellata (Sperling & Kupfer).

Dal dialetto alla rassegna per bimbi

Mirco Gennari

Mirco Gennari

Dopo l’intermezzo festoso del Natale al Villa la rassegna riprende con la Giornata nazionale del dialetto 2017, che al Villa si festeggia insieme ai Burdell, delle scuole di San Clemente e Sant’Andrea (domenica 15 gennaio), per festeggiare poi un’altra ricorrenza. In occasione dell’anniversario dell’amato Maestro Federico Fellini, venerdì 20 gennaio Mirco Gennari, Giorgia Penzo, e Francesca Airaudo ne interpretano le molteplici sfumature linguistiche in Le lingue di Federico, drammaturgia di Loris Pellegrini, per concludere il 10 febbraio col grande affabulatore Roberto Mercadini e le sue Rapsodie romagnole.

Tutti gli appuntamenti serali saranno accompagnati da un “dopo teatro” tra musica, chiacchiere con l’artista e un buon bicchiere, offerto da Birra Amarcord.

teatro_kalinka_sanclemente

Nando e Maila

Da febbraio ad aprile 2017 prende il via “A teatro con mamma e papá”, il teatro per bambini e adulti insieme, con tante novità a partire dal circo teatro di Kalinka (domenica 19 febbraio) col formidabile duo Nando e Maila e i loro attrezzi volanti e “suonanti”, al Riccardo III dei riminesi Korekanè (domenica 5 marzo), raccontato fra musica e parodia comica; dai nuovi Spizzichi di Pizzico del tenero clown inventato da Mirco Gennari (domenica 19 marzo) fino ai meravigliosi Moztri!, inno all’infanzia dei bergamaschi Luna e GNAC, dedicato a tutti bambini difficili e così speciali (domenica 2 aprile).

Tante le proposte dei matinèe di Con la classe al Villa per le scuole medie, primarie e materne, fra cui il delicatissimo SeMino della nota compagnia La Luna nel Letto di Bari (9 aprile).

Laboratori & grande festa di fine stagione

Il progetto Villa spazio aperto, dedicato ai laboratori per adulti e bambini, si arricchisce quest’anno di un’importante novità: spazio alla formazione permanente per attori e allievi attori con Thymele lab – il centro della scena, condotto dal regista Davide Schinaia, a frequenza gratuita (su selezione) da ottobre a marzo 2017.

E dopo un “lungo e gelido” inverno di lezioni, naturalmente si andrà in scena con i Saggi finali dei laboratori di Villa spazio aperto, rispettivamente il 23 e il 30 aprile.

Infine, dopo aver celebrato la primavera il 26 marzo con il bel concerto dedicato al Brasile dei Rua Diaz, festa di fine stagione con i Bilìn (i giochi) di una volta, nel prato del Teatro Villa, domenica 7 maggio, salutandoci affettuosamente ricordando che: “cè una regola antica nel teatro. Quando hai concluso non cè bisogno che tu dica altra parola. Saluta e pensa che quella gente, se tu lhai accontentata nei sentimenti e nel pensiero ti sarà riconoscente”. (Dario Fo)

Condividi

Comments are closed.