Stagione balneare, un mese in più in Emilia-Romagna

0
Condividi

Stabilimenti aperti in tutta la Riviera dall’ultimo week-end di marzo fino al 1° novembre, secondo l’ordinanza della Regione che consente così agli operatori turistici di protrarre l’attività. E dall’ultimo fine settimana di maggio il via alla balneazione con i servizi di salvamento (salvo anticipi decisi in loco dai sindaci)

Stabilimenti balneari aperti un mese in più in Emilia-Romagna. La Regione ha infatti approvato l’ordinanza 2015 con cui ha prolungato fino al 1° novembre la stagione balneare, partita nel fine settimana (l’ultimo del mese di marzo) con gli stabilimenti aperti per le attività di elioterapia in tutta la Riviera.
Il via alla balneazione con i servizi di salvamento arriverà, invece, l’ultimo week end di maggio (salvo eventuali anticipazioni che potranno essere decise dai sindaci con un’ordinanza comunale).
In particolare, è stato cancellato l’obbligo di alcune comunicazioni alla Regione e ai Comuni per tutta una serie di attività che gli imprenditori potranno quindi ora svolgere liberamente, senza alcun adempimento burocratico, come l’individuazione delle aree libere nelle quali è assicurato il servizio di salvamento o le manifestazioni di breve durata riservate alla clientela.

“E’ una scelta importante – sottolinea l’assessore a turismo e commercio Andrea Corsini – che consente agli stabilimenti balneari di protrarre le loro attività, allungando la stagionalità, garantendo ospitalità e servizi a tutti coloro che desiderano fruirne, con ricadute positive per l’intero sistema economico della costa. Con l’ordinanza approvata abbiamo anche colto l’esigenza di semplificare un settore importantissimo per la qualità dell’offerta turistica, con grande attenzione alla sicurezza e alla qualità dell’accoglienza”.

Per quanto riguarda la sicurezza per i turisti, un defibrillatore dovrà essere previsto in ogni postazione e, in caso di un piano collettivo di salvamento, ogni due.
Infine, la tutela del lavoro: l’ordinanza richiama espressamente l’obbligo dell’applicazione dei contratti collettivi siglati dai sindacati più rappresentativi.

(Fonte: http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/parte-la-stagione-balneare-in-emilia-romagna)

Condividi

Comments are closed.