SENTIERI – Montebello-Torriana

0
Condividi

Dai misteriosi passi di Azzurrina alla suggestiva rocca di Torriana, questa escursione vi permetterà di cogliere angoli dal sapore mediterraneo permeati dalla sacralità del Santuario della Madonna di Saiano, alla quale ancora oggi si rivolgono le partorienti per un esito felice della gravidanza. […]

Il sentiero è parte di un percorso più ampio, che parte da Ponte Verucchio e vi fa ritorno dopo circa 4 ore e mezzo di cammino. Nel caso vogliate percorrerlo tutto (circa 16 chilometri) dovrete seguire la numerazione Cai 03 e 03A. Altrimenti potete partire direttamente dal parcheggio sottostante il Santuario di Saiano, al quale tornerete dopo un percorso ad anello lungo circa poco più della metà del totale. Dalla Madonna di Saiano proseguite per lo sterrato a destra verso Montebello fino a Fontebuona (Cai 03): a costeggiare il sentiero una vegetazione di tipo mediterraneo, caratterizzata da roverella, asparago, rosa selvatica. Da Fontebuona si prosegue in salita fino a una croce in ferro e si prende a destra verso la celletta posta sul bivio per Montebello (Cai 03-03A), quindi a destra poi subito a sinistra, a ridosso del centro storico.
Qui, se avete tempo, potrete visitare il castello reso celebre dal fantasma di Azzurrina, la figlia del feudatario, scomparsa a cinque anni nei sotterranei nel 1375. Tra fantasia e realtà, il mistero continua ad attirare curiosi e medium, giunti da ogni parte del mondo per dialogare con lei. Decisamente più reale lo spettacolare balcone panoramico di Montebello dal quale si riparte per raggiungere Torriana, dopo aver ripreso il sentiero che dal Passo della Volpe (o del Lupo) – una bella strettoia tra alti massi calcarei – aggira la rupe in senso orario e torna sulla strada. Da qui si può raggiungere il centro di didattica ambientale dell’Oasi di Torriana e Montebello, che ospita anche un interessante modello del Marecchia con esemplari di pesci che popolano i vari tratti fluviali. Si prosegue quindi lungo il sentiero Cai 03°, scendendo verso Torriana: a lato del parcheggio dopo bivio Castello inizia il sentiero delle Scalette che porta fino al belvedere antistante il Castello di Torriana, fortezza malatestiana del Quattrocento, dove si narra sia stato ucciso Gianciotto Malatesta, responsabile a sua volta dell’uccisione dei due famosi amanti di Gradara, la moglie Francesca e il fratello Paolo. Dal belvedere si raggiunge il monte Bargellino, su un tracciato parallelo all’ultimo tratto di andata. Dopo una sosta per ammirare il paesaggio circostante si riprende in direzione Torriana e si scende a destra per via Poggiolo verso il fondovalle. A borgo Palazzo si riprende il sentiero Cai 03 per tornare verso Saiano. Questa zona è nota per la presenza di caprioli, spesso avvistabili, ma anche cinghiali, tassi, volpi, istrici dei quali si possono frequentemente scorgere gli aculei.
Emanuela Romito

Condividi

Comments are closed.