A Pennabilli gli Antichi Frutti d’Italia

0
Condividi

Cesti di pomodori, mele e uva, noci fresche, patate e granoturco, fagioli e peperoncino, varietà d’oggi, ma soprattutto di un tempo lontano… Mostre tematiche, convegni ed incontri culturali, spettacoli, musica, e anche laboratori artigianali e attività creative per bambini. Gli Antichi frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli sabato 24 domenica 25 settembre. Scopri il programma

pennabilli_antichi_frutti_2016_2aL’ultimo fine settimana di settembre avrà luogo nel centro storico della città medioevale di Pennabilli, dimora del Maestro Tonino Guerra per oltre vent’anni, la manifestazione che, giunta alla IX edizione, difende e celebra le colture tradizionali, antiche o “dimenticate”, e la Biodiversitá, ossia la grande varietà di piante che consente un’estrema diversificazione di colori, sapori, resistenze e contenuti nutrizionali. Nel centro storico del borgo avranno luogo mostre tematiche, convegni ed incontri culturali dedicati all’agricoltura ed agli “antichi frutti”, non mancheranno inoltre laboratori dedicati ad attività artigianali con materiali naturali, attività creative per bambini, e spettacoli di intrattenimento e folklore popolare.

La manifestazione è un progetto di rilievo nazionale che non vuole essere soltanto spettacolo e mercato, ma soprattutto un invito alla riflessione sull’importanza di preservare il tesoro che la natura da sempre ci dona, di tutelare quel patrimonio universale inestimabile che è la biodiversità: un’enorme varietà di geni, specie ed ecosistemi. Un invito a riacquistare il contatto con le nostre radici, con la natura e con il passato, riscoprendo finalmente la capacità assopita di apprezzare il sapore di frutti che sprigionano umori e sensazioni autentici inebriandoci di dolcezza e antica sapienza. Un invito a tornare ad avere devozione per la natura, come ripeteva spesso il maestro Tonino Guerra.

In un momento in cui l’uomo sporca tutto,bisogna tornare ad amare la terra. (Tonino Guerra)

“Rivediamoci per sentire il passato in bocca”

pennabilli_antichi_frutti_2016_3Sarà protagonista dell’evento il mercato dei Frutti Dimenticati, dei prodotti eno-gastronomici regionali e locali e dell Artigianato Qualificato. Banchi colmi d’infiniti generi e ricchezze naturali: cesti di pomodori, uva, patate e granoturco, fagioli e peperoncino, varietà d’oggi, ma soprattutto d’un tempo lontano, perchè, come sosteneva il poeta Tonino Guerra, “andando avanti è bene se ogni tanto ci voltiamo indietro, perché il passato ci aiuta”.
Esposizioni, dibattiti e rappresentazioni si terranno nei luoghi suggestivi del borgo medievale di Pennabilli, dall’Orto dei Frutti Dimenticati, al Teatro Vittoria, dalla sede dell’Associazione Tonino Guerra, alla trecentesca Chiesa della Misericordia o sulla rocca del Guasto Malatestiano, sede dell’antico Castello di Penna nell’antica regione del Montefeltro.
Anche quest’anno, nel corso delle due giornate, gli adulti potranno partecipare a laboratori di artigianato, naturalistici o di cucina, mentre i bambini potranno esplorare attività creative gratuite.

Aquiloni e piante

pennabilli_antichi_frutti_2016_5Adulti e bambini, possono cimentarsi nell’intreccio con i vimini nel laboratorio curato da Simona Andreani e prendere parte al laboratorio “Palline di biodiversità ispirate al metodo Fukuoka” a cura di Coltivario con Martina Focchi, Veronica Guerra, Giulia Negrini, Giulia Terenzi oppure a “Le piante della salute dell’Orto dei Frutti Dimenticati” con la erborista Margherita Fraboni.

L’esperienza più gioiosa per grandi e piccini, già testata le scorse edizioni, è sicuramente il Volo degli aquiloni su Pennabilli (a cura delle contrade di Urbino) che si svolgerà sull’altura del roccione alto, ossia il così detto Guasto Malatestiano, perché sede dell’antico castello di Penna, che sovrasta la Valmarecchia e ci offre un panorama distensivo e rigenerante.

Domenica 25, nel Centro Visite Parco Sasso Simone e Simoncello, è possibile partecipare a un workshop di serigrafia con colori organici e introduzione ai colori e tessuti etici con lezione pratica (a pagamento e su prenotazione al numero 334 5760963 o all’indirizzo mail info@musss.it).

Domenica 25 alle 15 ci sarà un evento che fa parte delle giornate  “Vivi il Verde” organizzate dalla Regione Emilia Romagna.

Nell’ambito della Festa “Gli antichi frutti d’Italia s’incontrano a Pennabilli”, l’Associazione “Tonino Guerra” e l’Associazione “Chiocciola la casa del nomade”, propongono una visita guidata e gratuita all’Orto dei frutti dimenticati e al giardino della Casa di Tonino Guerra chiamata “casa dei  mandorli”, entrambi frutto della sensibilità poetica del Maestro – e per concludere al giardino del Professor Cino Valentina sempre a Pennabilli.

Condividi

Comments are closed.