Cinque cose da fare a Santarcangelo con i bambini

0
Condividi

Santarcangelo di Romagna é una città non solo bellissima, piena di luoghi da vedere e di storia, ma è anche una città che vive, non soltanto nei mesi estivi. E sicuramente è una città dei bambini. Dove andare e che cosa vedere? Ecco qualche proposta stimolante…

1.

Se uno arriva a Santarcangelo di Romagna la prima ‘tappa’ molto probabilmente sarà lassú, nella parte alta… La rocca della città ci invita tutti a fare una passeggiata lungo le scale, che può essere anche un po’ faticosa in una giornata calda ma ne vale la pena. E mentre si sale non si deve perdere una delle sue peculiarità: le Grotte. Già, perché Santarcangelo nasconde una seconda città sotterranea, costituita da un labirinto di corridoi, stanze e nicchie, la cui origine è tutt’oggi misteriosa. Nella parte orientale del colle Giove sono scavati nell’arenaria e nell’argilla circa 150 ipogei…

INFO: IAT Santarcangelo, 0541 624270, iat@comune.santarcangelo.rn.it

grotte_santarcangelo_bimbiarimini

2.

Il Museo del Bottone è un museo davvero speciale, il primo e l’unico del suo genere in Italia. Allora non perdete l’occasione di visitarlo: Giorgio Gallavotti, colui che ha creato il museo, parla delle sue collezioni in maniera molto piacevole, raccontando particolari e aneddoti curiosi, e la visita sarà un bel ricordo anche per i bambini.

museo_bottone_santarcangelo_bimbiarimini

3.

Entrate nel mondo di Tonino Guerra (il poeta, scrittore e sceneggiatore italiano é nato qua), fate una visita al palazzo dell’ex Monte di Pietà di Santarcangelo, che ospita il museo permanenteNel mondo di Tonino Guerra”, ideato e realizzato dal figlio Andrea. Nel museo è presente anche una ricca sezione multimediale, nella quale è possibile rivedere tutti i film sceneggiati da Tonino Guerra, anche quelli d’animazione… Poi potete scoprire le ‘tracce’ di Tonino Guerra a Santarcangelo, le fontane: nel Parco della Fiera noterete all’ingresso la fontana del Prato Sommerso ideata da Tonino Guerra, oppure la fontana di piazza Ganganelli rinnovata su suo disegno.

INFO: 0541 626506, nelmondoditoninoguerra@gmail.com

tonino_guerra_santarcangelo_museo_bimbiarimini

4.

Se volete fare un salto nel tempo, date un’occhiata alla selezione del Museo Storico Archeologico (Musas), mentre il Museo Etnografico sarà un modo divertente per far conoscere ai bambini la via del grano, oppure il lavoro del fabbro di una volta.

INFO: 0541 624703

met_santarcangelo_2_bimbiarimini

5.

La bottega del Mangano, una cosa unica al mondo… All’interno della Stamperia Marchi, una delle botteghe più antiche della Romagna, è conservato l’intero patrimonio decorativo del territorio romagnolo, tuttora visibile nelle classiche tele stampate a mano romagnole.

INFO: 0541 626018

mangano_santarcangelo_bimbiarimini

+1

Che cosa si puó creare con pezzi di automobili, motori, tubature, ma anche plastica e rivestimenti in plexiglass e linoleum? La risposta si trova al campo Mutoid di Santarcangelo, dove le persone possono trovarsi come nel film ‘Mad Max’, tra automi, animali mitologici, insetti post-atomici, mostri, cyborg.

Il parco è stato creato ed è gestito dai Mutoid, una comunità di artisti inglesi che dagli anni ’90, dopo essere arrivati in zona per partecipare al Festival di Santarcangelo dei Teatri, sono poi rimasti in maniera più stabile perché attratti dal luogo. Hanno così creato un gruppo unito dalla passione per il riciclo e il riuso dei materiali.

+2

A due passi dal centro c’è un grande parco, il “Campo della Fiera”: con tanto verde e giochi (compresa una giostra girevole con posti anche per bambini in carrozzina), dove è presente un bar, senza dimenticare la bella vista della rocca di Santarcangelo.

parchi_giochi_santarcangelo_campo_fiera_bimbiarimini

Condividi

Comments are closed.