A scuola di giocattoli creativi con Roberto Papetti

0
Condividi

Roberto Papetti, noto mastro giocattolaio ravennate, é in piazza Cavour domenica 18 ottobre, alle 15, per la gioia di grandi e bambini: appuntamento nel gazebo della Fondazione San Giuseppe. Prosegue intanto la mostra “Libri fatti a mano” a Casa Valturio

Roberto Papetti

Roberto Papetti

Durante la “Festa delle famiglie” Papetti sarà nel gazebo della Fondazione San Giuseppe Onlus che, insieme alle associazioni “Ludoteca delle parole”, rete “Emporio Solidale” con il sostegno di Volontarimini, Lega Italiana Lotta Tumori/LILT Rimini e DESMA Cultural Group promuove il progetto educativo “Leggere, giocare, muoversi con gusto. Diritti da salvaguardare”.

Chi vorrà rispolverare i giocattoli di una volta o impararne di nuovi riciclando materiali di scarto non può perdersi questa occasione.

Imparare giocando

Roberto Papetti

Roberto Papetti

Già coordinatore del Centro di educazione ambientale “La Lucertola” di Ravenna, Papetti terrà il laboratorio gratuito ‘A scuola di giocattoli creativi’ – spiega Paola Benzi, presidente della San Giuseppeperché per un bambino giocare è un diritto da salvaguardare. E noi come Fondazione da oltre cent’anni lavoriamo per i diritti dei bambini, soprattutto quelli con situazioni socio-familiari difficili“.

Il bambino impara giocando, e il gioco creativo stimola la mente, la fantasia, la capacità ideativa ed espressiva, integrando il lavoro scolastico – afferma Ivana Lombardini, insegnante e coordinatrice dell’Associazione “Ludoteca delle parole” – perciò il tempo libero diventa un momento di crescita formidabile, un alleato dello studio e del percorso scolastico“.

L’evento fa parte del programma educativo per le scuole primarie e secondarie di primo grado in cui rientra anche la mostra “Libri fatti a mano (fino al 20 ottobre a “Casa Valturio”, il centro diurno della S. Giuseppe, in viale Valturio 36). I bellissimi libri in mostra, originali e inediti, sono diventati in questi giorni il “gancio” per parlare di vita sana, dall’alimentazione al movimento, con tante scolaresche in visita.

Condividi

Comments are closed.