Ecco i musei più visitati in Emilia Romagna e Marche

0
Condividi

La Fortezza di San Leo il secondo luogo della cultura statale più visitato nel 2015 in Emilia Romagna (63° posto in Italia) dietro alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe (Ravenna) secondo i dati diffusi dal ministero. E la Rocca di Gradara è la destinazione preferita delle Marche (38esima nella Penisola). Scopri di più

Fortezza di San Leo

Fortezza di San Leo

Il 2015 è stato l’anno d’oro dei musei italiani, secondo quanto risulta dai dati del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che sono stati presentati ufficialmente mercoledì 13 gennaio.

Circa 43 milioni di persone hanno visitato i luoghi della cultura statali generando incassi per circa 155 milioni di euro, che torneranno interamente ai musei attraverso un sistema premiale che favorisce le migliori gestioni e garantisce le piccole realtà: +6% i visitatori (pari a circa +2,5 milioni); +14% gli incassi (+20 milioni di euro circa); +4% gli ingressi gratuiti (+900 mila circa).

La Fortezza di San Leo nella top 5 Emilia Romagna

Basilica di Sant'Apollinare in Classe, Ravenna

Basilica di Sant’Apollinare in Classe, Ravenna

In particolare nei 36 luoghi della cultura statali presenti in Emilia Romagna nel 2015 gli ingressi sono aumentati del 9% rispetto al 2014 con 996.031 visitatori. Per gli introiti si segnala un +11% rispetto al 2014, che corrisponde a 1.747.939 euro.

Top 5 Emilia Romagna

  1. Basilica di Sant’Apollinare in Classe – Ravenna
  2. Fortezza di San Leo
  3. Teatro Farnese – Parma
  4. Abbazia di Pomposa e il Museo Pomposiano – Codigoro
  5. Mausoleo di Teodorico – Ravenna

Nella top five in testa c’è la Basilica di Sant’Apollinare in Classe a Ravenna con 156.368 visitatori e introiti per 324.531 euro (+19%), seguito dalla Fortezza di San Leo, culla del Montefeltro e dell’Alta Valmarecchia (in provincia di Rimini), con 72.617 visitatori e introiti per 453.116 euro.

Poi nell’ordine il Teatro Farnese di Parma con 68.068 visitatori e introiti per 75.447 euro (+17%), l’Abbazia di Pomposa e il Museo Pomposiano a Codigoro (FE) con 66.104 visitatori (+ 1,5 %) e introiti per 176.967 euro (+27%), e a chiudere la top 5 il Mausoleo di Teodorico a Ravenna con 65.559 visite (+2%) e introiti per 97.676 euro (+1%).

Per quanto riguarda l’evento speciale #DOMENICALMUSEO da gennaio a dicembre 2015 sono stati 146.676 i visitatori che hanno approfittato della prima domenica del mese per entrare gratuitamente nei musei dell’Emilia Romagna.

Marche: in testa la Rocca di Gradara

Rocca di Gradara

Rocca di Gradara

Nei 17 luoghi della cultura statali presenti nelle Marche nel 2015 gli ingressi sono aumentati del 6% rispetto al 2014 con 508.012 visitatori che hanno fruttato 986.159 di introiti (+9%).

Nella top five al primo posto figura la Rocca di Gradara con 205.536 ingressi (+2%) e 422.981 euro di introiti (+0,50%), seguita dalla Galleria Nazionale delle Marche di Urbino con 191.829 visitatori (+16%) e 498.070 euro di introiti (+22%). Sul terzo gradino sul podio la Rocca Roveresca di Senigallia con 46.090 biglietti staccati. Seguono il Museo Archeologico nazionale di Ancona (13.195 visitatori) e il Museo Archeologico di Ascoli Piceno con 7.679 visitatori e introiti per 9.198 euro (+5%).

Top 5 Marche

  1. Rocca di Gradara
  2. Galleria Nazionale delle Marche – Urbino
  3. Rocca Roveresca – Senigallia
  4. Museo Archeologico nazionale – Ancona
  5. Museo Archeologico – Ascoli Piceno

Inoltre da gennaio a dicembre 2015 sono stati 63.874 i visitatori che hanno approfittato della prima domenica del mese per entrare gratuitamente nei musei statali delle Marche grazie all’evento speciale #DOMENICALMUSEO.

Condividi

Comments are closed.