Andar per mostre… con tutta la famiglia

0
Condividi

I mesi invernali sono un ottimo periodo per qualche uscita all’insegna dell’arte, adatta anche per bambini e ragazzi. Abbiamo scelto qualche esposizione da non perdere, che propongono anche laboratori e iniziative per i piú giovani. Potrebbe essere pure l’occasione giusta anche per scoprire le bellezze di altre città…

1.

Nel cuore di Reggio Emilia, a Palazzo Magnani, fino al 18 marzo si puó ammirare Kandinsky -> Cage, un percorso tra arte e musica che parte da Kandinsky e approda a Cage, dove le nozioni di interiorità e spiritualità vengono indagate come temi aperti, capaci di raccogliere molte suggestioni. Solo delle opere di Kandinsky se ne contano una cinquantina fra dipinti, acquerelli, grafiche provenienti da musei e collezioni private, tra le quali spiccano quelle di carattere eminentemente musicale, come gli acquerelli dipinti per gli spettacoli teatrali “Violett” (del Centro Pompidou, Parigi) e “Quadri di un’Esposizione” sulla musica di Musorgskij (della collezione universitaria del Castello di Wahn, Colonia). La mostra viene animata da brani letterari degli artisti, video e installazioni che invitano a sperimentare in maniera ludica e ricreativa la sinestesia e offrono vere e proprie riscoperte. 

Ogni domenica alle 15 si svolgono laboratori dedicati ai bambini dai 6 ai 12 anni (costo: 10 euro), su prenotazione (0522 454437/444446 – info@palazzomagnani.it). Il 4 febbraio é dedicato a tutta la famiglia, quindi i genitori possono partecipare ai laboratori insieme ai propri figli.

2.

Fino al 18 febbraio a Modena, al Museo Enzo Ferrari, si rivive la lunga storia di un marchio divenuto il più famoso in tutto il mondo, quello Ferrari e i suoi 70 anni di vita. “Driving with the stars” è il titolo di un’esposizione che vi guida alla  scoperta dei momenti in cui la vita di un personaggio straordinario e l’altrettanto speciale storia della Ferrari si sono incrociate, trasformandosi talvolta in un idillio indissolubile o durando anche solo lo spazio di un ciak o di una ripresa sul set di un film. Tra le vetture in mostra potrete ammirare la prima Ferrari mai esposta ad un salone dell’auto, la 166 MM, ma anche modelli appartenuti a famiglie reali per arrivare fino all’esclusiva Ferrari Aperta, l’icona perfetta della Casa di Maranello.

3.

A Bologna, Palazzo Albergati dá spazio fino all’11 febbraio a “Duchamp, Magritte, Dalì. I rivoluzionari del ‘900”, una straordinaria mostra dedicata agli artisti che hanno rivoluzionato l’arte nel Novecento: Duchamp, Magritte, Dalì, Ernst, Tanguy, Man Ray, Picabia, Pollock e molti altri, tutti insieme per raccontare un periodo di creatività straordinaria e geniale.

Ogni domenica, alle 11, una visita guidata aspetta le famiglie: il percorso di visita, puntando proprio sui due diversi approcci, sarà un’occasione di confronto, interazione e stimolo per far comprendere ai più piccoli le opere in mostra e offrire ai più grandi un punto di vista più spontaneo e libero da preconcetti.
Al termine della visita, genitori e figli sperimenteranno come il proprio corpo e un oggetto della realtà quotidiana possono trasformarsi in “altro”, e insieme realizzeranno la loro opera in un gioco di composizione grafica e poesia visiva (su prenotazione).

4.

Non una semplice mostra tradizionale ma la possibilitá di entrare letteralmente nell’arte, quasi immergendovisi dentro. Un’esperienza multisensoriale che si dipana non solo attraverso i mille volti e paesaggi ritratti dai pittori, ma attraverso le emozioni che questi comunicano…

A Verona, al Palazzo della Gran Guardia, fino al 2 aprile é visitabile la mostra “Van Gogh Alive“, la rassegna multimediale da vivere: 3.000 immagini proiettate a pieno schermo attraverso l’ausilio di 50 proiettori ad alta definizione (in Italia, l’abbiamo già potuto ammirare a Roma, Firenze e Bologna). In primo piano le opere del periodo creativo dell’artista di Zundert, realizzate durante il decennio tra il 1880 ed il 1890. In quegli anni, Van Gogh è in viaggio a Parigi, Sain-Remy e Auvers-sur-Oise, luoghi e mete che saranno fondamentali per il percorso artistico del pittore olandese.

5.

Monet Experience a Firenze. Dopo i successi di Incredible Florence, Klimt Experience e Da Vinci Experience a Firenze arriva la nuova mostra immersiva. Dal 18 novembre al 1° maggio a Santo Stefano al Ponte, Monet Experince regala un’immersione sensoriale nei capolavori del grande artista che più di ogni altro ha insegnato a guardare e rappresentare, en plein air, la bellezza della natura nell’istante in cui si crea.

Una vera immersione sensoriale nei capolavori del pittore e di chi, come lui, ha mostrato tutta la bellezza della natura, secondo i canoni impressionisti. Infatti, la mostra comprende gran parte delle opere del “padre dell’Impressionismo“, ma anche quadri di Cezanne, Renoir e Degas. In tutto sono riprodotte 800 immagini, in altissima definizione. Il percorso dura 65 minuti circa ed é distribuito in 20 scene. Le immagini vengono proiettate a 360 gradi, su grandi schermi di tredici metri, ospitati nella navata centrale della chiesa. Oltre alla vista, sarà stuzzicato anche l’olfatto, grazie agli aromi naturali creati da Aromatique presenti nelle installazioni video, touch e multimediali.
Condividi

Comments are closed.