“Il Genio nell’anfora” domenica 21 dicembre a Riccione

0
Condividi

Alle 16.30 al Teatro del Mare la prima nazionale del nuovo spettacolo della compagnia Fratelli di Taglia a concludere la rassegna ‘Favole dAmare’ dedicata alle famiglie. Uno spettacolo d’attore con oggetti e canto dal vivo, ispirato alle favole ‘Il pescatore e il genio’ (Le Mille e una Notte) e ‘Lo spirito nella bottiglia’ (Fratelli Grimm), interpretato in scena da Daniele Dainelli e Patrizia Signorini con la regia di Giovanni Ferma e Marina Signorini

Domenica 21 dicembre, alle ore 16,30, al Teatro del Mare di Riccione la rassegna teatrale dedicata alle famiglie ‘Favole dAmare’ si conclude con una prima nazionale: i riccionesi Fratelli di Taglia debuttano sul palcoscenico della loro città con il nuovo spettacolo “Il Genio nell’anfora”, scritto a quattro mani da Daniele Dainelli e Giovanni Ferma.
Spettacolo d’attore con oggetti e canto dal vivo interpretato in scena da Daniele Dainelli e Patrizia Signorini con la regia di Giovanni Ferma e Marina Signorini. Le scenografie sono ideate dai Fratelli di Taglia, progettate e realizzate da Gilberto Cerri, costumi e vele sono firmati da Paul Mochrie, musiche di Leonardo Militi.

Ingresso: ragazzi entro 14 anni 5 euro, adulti 7 euro; informazioni e prenotazioni: compagnia Fratelli di Taglia 0541 957656 – 329 9461660.
Nel giorno di spettacolo la biglietteria del Teatro del Mare apre alle ore 14,30.
Prevendita on line: www.liveticket.it/fratelliditaglia

Un allestimento sviluppato e perfezionato al Teatro del Mare, grazie all’ospitalità dell’Istituzione Riccione per la cultura del Comune di Riccione, ispirato alle favole ‘Il pescatore e il genio’ (Le Mille e una Notte) e ‘Lo spirito nella bottiglia’ (Fratelli Grimm).

Sta calando la notte, la risacca del mare armonizza i suoni e le voci dei porti del Mediterraneo: due personaggi fantastici, dall’aspetto picaresco, entrano carichi di sacchi pieni di storie da raccontare… È l’ora della partenza, li aspetta la loro barca, la barca della fantasia… Il viaggio nella notte ha inizio, arrivati in un punto magico apriranno i loro sacchi e per in-canto si trasformeranno nei personaggi de “Il Genio nell’anfora”.
Dall’anfora pescata da Amina fuoriesce, per magia, un Genio. Appena assaporata la libertà, negata per 300 anni, il Genio, dalla gioia, si lascia andare a scherzi e lazzi con la pescatrice, in un carosello di situazioni comico-grottesche. Dopo questa parentesi giocosa però, incattivito dalla sua lunga prigionia, per vendicarsi, minaccia di uccidere la malcapitata. Amina riesce a salvarsi soltanto grazie alla sua astuzia: si fa beffe del Genio mettendo in dubbio che un essere così grande possa essere contenuto in un recipiente così piccolo. Il Genio, punto sul vivo, per dimostrarle che può fare tutto, rientra nell’anfora che la pescatrice richiude fulmineamente. Amina è decisa a rigettare l’anfora in mare ma le suppliche del Genio la commuovono … un dubbio l’assale e non sa se seguire la via della ragione o del cuore …

I personaggi di questa storia raggiungeranno attraverso la loro contrastata relazione la consapevolezza dell’importanza del rispetto reciproco. La favola vuole infatti stimolare la ricerca del bambino – attraverso la relazione con l’altro diverso da sé e dai propri punti di vista – verso elementi di sicurezza, maturazione e tolleranza.

Condividi

Comments are closed.