Giornata dei Planetari, i bimbi scoprono le bellezze del cielo

0
Condividi

Quale migliore occasione per i bambini per osservare il cielo se non domenica 12 marzo, la Giornata Internazionale dei Planetari, in cui i planetari romagnoli e del territorio vicino propongono vari eventi e iniziative anche per i piú piccoli. Scopri il programma

Dal 1991 si organizza in diversi Paesi la “Giornata dei planetari“, l’iniziativa che ha luogo in contemporanea nei principali planetari italiani e ogni anno si svolge nella domenica precedente o seguente all’equinozio di primavera.

L’iniziativa ha lo scopo di far conoscere al pubblico di ogni età dove si trovano queste cupole spettacolari di grandi e piccole dimensioni. Ogni cupola è come un cielo in miniatura sotto la quale viene fedelmente simulato l’aspetto del cielo notturno. Lo spettatore è infatti avvolto da una moltitudine di stelle e dalla scia della Via Lattea. Al cielo popolato da migliaia di stelle non siamo più abituati per la presenza delle luci artificiali, inutilmente disperse verso l’alto, che impoveriscono la notte dei luoghi contaminati dall’inquinamento luminoso. Il cielo dei planetari ci restituisce invece la magica visione del firmamento che si può ammirare nelle notti veramente buie dei siti naturali lontani dai centri abitati.

L’appuntamento é dunque per domenica 12 marzo, ecco le proposte dei planetari romagnoli o del territorio vicino.

1. Planetario di Ravenna

Viale Santi Baldini 4/A, Ravenna

Domenica 12 marzo, a partire dalle 10.30 con l’osservazione del Sole (meteo permettendo) e proseguendo con gli spettacoli in cupola, la Meridiana, il Cerchio di Ipparco e molto altro. L’osservazione del Sole (e se visibile di Venere) sarà dalle 10.30 fino alle 15; le conferenze in cupola saranno alle ore 11, 12, 14, 15, 16, 17. Le altre attività (spiegazioni sulla meridiana, intrattenimenti vari e laboratori) non hanno orario e verranno svolte durante tutta la giornata.

Manifestazione adatta anche ai bambini. Ingresso libero per tutti

planetario_ravenna_cielo

2. Osservatorio Planetario San Giovanni in Persiceto

planetario_bologna_bimbiariminiVicolo Baciadonne 1, San Giovanni in Persiceto (BO)

Domenica 12 marzo, dalle 15.30 alle 18 Proiezione del cielo per grandi e piccoli.
Ogni 30 minuti visita all’ osservatorio astronomico e al museo delle meteoriti

Ingresso libero.

3. Planetario del Parco di Stia

Domenica 19 marzo, in concomitanza con la Giornata Internazionale dei Planetari, riprenderanno le attività divulgative del Planetario del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, con sede in Stia.
Nutrito il programma di iniziative che occuperanno l’intera giornata:

  • alle ore 11, dopo il saluto degli operatori e una breve visita guidata alla struttura, incontro sotto la cupola del Planetario dedicato al moto diurno e annuale del Sole;
  • alle ore 12 tutti ad osservare il passaggio del disco solare sulla meridiana in camera oscura progettata da Simone Bartolini, cartografo presso l’Istituto Geografico Militare di Firenze, e realizzata insieme agli studenti dell’IIS Galileo Galilei di Poppi all’interno del Progetto Alternanza Scuola – Lavoro 2016.
  • dalle ore 16 sino al tramonto, sarà possibile osservare il Sole in luce bianca, attraverso adeguati filtri che ne permetteranno la visione diretta o per proiezione, in modo da osservare le macchie sulla fotosfera solare, e in luce all’idrogeno, con telescopio specifico, in modo da poter vedere le protuberanze solari e la granulazione della “superficie” della nostra stella. Sarà inoltre possibile visitare la mostra di rocce, minerali e meteoriti, in parte donata al Planetario Museo di Scienze Planetarie di Prato;
  • dalle ore 16, primo appuntamento con il “Planetario dei Piccoli”, con laboratori tematici e attività sotto la cupola del Planetario rivolte ai bambini;
  • a chiudere, dalle ore 21, breve incontro sotto la cupola del Planetario e osservazione ad occhio nudo del cielo primaverile e visione al telescopio del pianeta Giove.

L’ingresso alle attività della giornata è gratuito.

planetario_parco_stia_2017

Condividi

Comments are closed.