FESTEGGIAMO – “I bambini, ma anche i genitori, adorano le torte decorate”

0
Condividi

Il cake design sta prendendo sempre più piede, anche tra le mamme del territorio riminese. Sabrina Montanari ci racconta come è nata la sua passione e ci regala anche qualche suggerimento per chi si vuole cimentare con queste ghiotte golosità

Anche tra le mamme sta prendendo sempre più piede la passione per il cake design, e non sono poche nel territorio di Rimini e provincia quelle che si cimentano in questa ‘arte dolciaria’, se così la vogliamo definire. E’ il caso, ad esempio, di Sabrina Montanari, che si diletta nel realizzare torte e altre ghiotte golosità, per bambini ma non solo (per avere un’idea: letortedisabrina.blogspot.com è il suo blog, oppure su Facebook “Le torte di Sabrina-crazy for cakes”). Cerchiamo allora di saperne di più, anche per dare qualche prezioso consiglio a chi è attratto dalle torte decorate.

– Come è nata la tua passione per il cake design?

“La mia passione per le torte decorate è nata un giorno guardando una trasmissione in tv dove insegnavano a farle. Avevo sempre desiderato una bellissima torta per mia figlia: ricordo ancora le mie torte di compleanno di quando ero piccola e volevo che anche mia figlia portasse da grande questo ricordo. Così ho iniziato a documentarmi, a ordinare i prodotti all’estero per provare anch’io a farle e così sono partita per questo sentiero zuccheroso”.

– Che cosa ti ricordi di quando hai preparato la prima torta di cake design per una festa di compleanno della bambina?

“Quando ho fatto la prima torta di compleanno per mia figlia ho visto nei suoi occhi quello che desideravo: un immenso stupore, e così anche negli occhi di tutti i bimbi e addirittura anche in quelli dei genitori… Qualcuno mi ha anche chiesto se avessi avuto il coraggio di tagliarla. Era una torta a due piani con i personaggi ideati e disegnati dal suo maestro di musica di scuola: Omis il maiale e Peo il papero, due idoli per tutti i bambini che fino a quel momento avevano letto le loro storie e visto solo i disegni… Ora potevano addirittura mangiarli!”.

– In base alla tua esperienza, perché ai bambini piace questo tipo di torta? Forse tanti genitori pensano che sia sufficiente un disegno per la torta, oppure una piccola figurina di pasta di zucchero, e che sia inutile avere un ‘capolavoro’ per la festa…

“Per i propri figli si cerca sempre il meglio, ma il meglio certe volte è al di sopra delle nostre possibilità, soprattutto per chi ha più di un figlio da accontentare. Purtroppo queste torte hanno un prezzo molto elevato sia per il costo della pasta di zucchero e delle attrezzature per realizzarle sia per il tanto lavoro che ci vuole per crearle, quindi molte volte si finisce per optare per la classica torta tradizionale che non sortirà lo stesso effetto di una torta decorata ma piace sempre tanto ai bambini. E’ vero che i bambini adorano queste torte! Possono vedere i loro personaggi preferiti creati con lo zucchero e quindi non solo guardarli ma addirittura mangiarli: a differenza di molti adulti, alla maggior parte dei bambini piace tantissimo come sapore anche la pasta di zucchero”.

– Dove trovi ispirazione per le tue creazioni?

“Normalmente chi richiede questo tipo di torta ha già le idee precise di cosa vuole e così la mamma che mi chiede la torta per il figlio conosce già bene i suoi interessi e quindi rimane sempre poco spazio alla mia inventiva. Mi metto così alla ricerca su riviste o web di foto dei personaggi che cercherò di ricreare il più fedelmente possibile. Gli adulti invece normalmente mi indicano un hobby o un particolare loro interesse e mi documento sempre nello stesso modo per trovare qualche idea. Quando faccio delle torte per le riviste di settore o per delle competizioni, invece, viene solitamente assegnato un tema e traggo spunto sempre da riviste, giornali, libri o foto sul web inerenti quel tema. Anche quando cammino per la città tutto quel che vedo penso a come potrebbe essere realizzato in pasta di zucchero: dalla borsa esposta nella vetrina al monumento della piazza, tutto può essere ricreato”.

– Torte per bambini, che ingredienti usi e quali accorgimenti? Sopratutto adesso in primavera: c’é qualche stagionalità delle torte?

“Normalmente mi limito alla realizzazione del topper (richiesti anche per le torte gelato) o alla decorazione della torta solo con la pasta di zucchero. Quest’ultima la compro già fatta e ne utilizzo un tipo che mi piace tantissimo sia come sapore sia per il profumo di confetto. Riguardo alle torte per bambini, l’ingrediente che utilizzo maggiormente è il cioccolato ed è un ingrediente che utilizzo indistintamente tutto l’anno. Mi piace anche seguire la stagionalità dei prodotti: utilizzare molta frutta in estate e in inverno agrumi o frutta secca”.

– Quali sono i soggetti più richiesti?

“I soggetti più richiesti dai bambini sono sempre i personaggi in voga al momento, magari perché è appena uscito un film al cinema e allora ecco che diventa il personaggio più richiesto. Oppure i personaggi delle serie televisive di successo. Mia figlia, per esempio, ha voluto la torta con Violetta che stringe il suo inconfondibile diario. Quando i bimbi invece sono ancora piccoli, e cioè da uno a quattro anni circa, normalmente vengono richiesti i personaggi classici di Walt Disney”.

– Per la primavera puoi consigliare qualche design per le torte?

“La primavera è il risveglio della natura e quindi cosa c’è di meglio che torte con prati in fiore o con bellissimi fiori colorati?”.

– Quanto tempo ci metti a realizzarle?

“Per realizzare una torta in media impiego tre/quattro giorni, ma se le decorazioni sono molto complesse anche una settimana. Normalmente la realizzazione di un personaggio richiede dalle 3 alle 5 ore circa. Anche per creare una rosa certe volte impiego 4 ore”.

Barbara Farkas

Condividi

Comments are closed.