Fattorie aperte nel segno di “un altro cibo”

0
Condividi

Escursione naturalistica, preparazione della pasta fresca, imparare a riconoscere piante velenose… Sono alcune delle proposte delle 13 aziende agricole e musei della provincia di Rimini che hanno aderito alla Giornata Mondiale dell’Alimentazione in Fattoria domenica 16 ottobre. Il tema é: ‘Un altro cibo è possibile!’ La scheda con orari e programmi nel territorio riminese

fattorie_aperte_2016_ottobre_2Domenica 16 ottobre si tiene la “Giornata dell’Alimentazione in Fattoria”, un appuntamento locale dell’ampio calendario internazionale che celebra l’anniversario della fondazione della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura.

Il tema scelto dalla FAO per il 2016 é “Un altro cibo è possibile!” L’obiettivo è sensibilizzare le persone sul valore universale del cibo, delle risorse naturali e della terra, diffondendo attraverso percorsi didattico-divulgativi le conoscenze sulle tematiche alimentari e agro-ambientali.

Emilia Romagna: per il programma completo clicca qui

“Il clima sta cambiando. Il cibo e l’agricoltura anche”

fattorie_aperte_2015_emilia_romagna_bimbiariminiUna delle vittime eccellenti del cambiamento climatico è la sicurezza alimentare. Sono i più poveri al mondo – molti dei quali contadini, pastori e pescatori – a risentire più duramente dell’aumento delle temperature e del moltiplicarsi delle catastrofi legate al clima. È per questo che il 16 ottobre l’annuale Giornata mondiale dell’alimentazione organizzata dalla FAO ruoterà intorno al messaggio “Il clima sta cambiando. Il cibo e l’agricoltura anche”.
In 150 paesi si discuterà di come affrontare le sfide che l’alimentazione ci pone a fronte dell’aumento demografico e del cambiamento climatico.
Coltivare e allevare in modo sostenibile significa adottare pratiche che fanno produrre di più con meno, usando le risorse naturali con saggezza. Vuol dire ridurre gli sprechi di cibo tramite il miglioramento dei raccolti, dello stoccaggio, dell’imballaggio, del trasporto e anche del contesto istituzionale e giuridico.

5 percorsi:

  1. La campagna insegna
  2. Mangiare in fattoria
  3. Natura e cultura
  4. Porta a casa la campagna
  5. Visita in fattoria

La scheda delle fattorie della provincia di Rimini

1. Agriturismo San Marco

San Marco 972 , Croce di Monte Colombo (0541985171, agriturismosanmarco@libero.it)

Azienda agricola con stalla. Produzione per consumo interno di cereali, favino, foraggio e colture da seme come cipolla e porri. Notevole produzione di ortaggi per consumo in agriturismo.

Programma: Visita alla stalla e pranzo con pasta fatta in casa e prodotti dell’azienda.

2. MET – Museo degli usi e costumi della gente di Romagna

Via Federico Montevecchi, 41, Santarcangelo di Romagna (0541/624703, servizi@museisantarcangelo.it; amarmet_santarcangelo@gmail.com)

Il Museo Etnografico raccoglie e conserva le testimonianze della gente di un territorio ricco di tradizioni popolari: la Romagna, e in particolare quella meridionale, racchiusa tra l’Appennino e il litorale adriatico.

Programma: Pomeriggio dedicato al tema dell’alimentazione e dell’agricoltura con approfondimenti e attività ludico-creative per bambini e le loro famiglie. A seguire merenda a Km 0. Ingresso gratuito.

3. NATE’ – Osservatorio naturalistico della Valmarecchia – Museo della tessitura

Via vicinale Scanzano 4, Montebello di Torriana (347 4110474, osservatorionaturalistico@atlantide.net)

Natè nasce nel 2014 dall’unione del Museo della Tessitura di Torriana e dall’Osservatorio Naturalistico della Valmarecchia. Il suo scopo è quello di far conoscere tutti gli aspetti naturali, culturali e delle tradizioni della Valmarecchia.

Programma: Natè organizza nel pomeriggio divertenti attività per grandi e piccoli legate alla conoscenza e riscoperta delle piante ad uso alimentare. Ore 15: escursione naturalistica presso l’oasi – camminiamo e impariamo. Durante l’escursione una guida condurrà i partecipanti a riconoscere le principali specie arboree presenti nel percorso e al loro utilizzo in campo alimentare.

4. Altavalmarecchia e Montefeltro Latte

Via Crispi, 36/E – Via Greppa, 40, Perticara-Miniera, Novafeltria (0541 927112, 335 6342774 – 339 7784852, 339 8649010, altavalmarecchia@libero.it)

L’attività principale è la produzione di latte e bovini da carne a ciclo chiuso.

Programma:

  • Ore 9-13. Visita in fattoria, percorso naturalistico, escursione ai vecchi siti minerari, Formaggio di Fossa di Perticara, visita della fossa, grotta e miniera, degustazioni e possibilità d’acquisto prodotti a Km 0.
  • Possibilità di pranzo del minatore a €15, fino a 12 anni gratis. Iscrizione obbligatoria entro venerdì 14: 3356342774 – 3397784852.
  • Pomeriggio possibilità di visita del Museo Storico Minerario Sulphur e attività sperimentale sulla fusione dello zolfo, biglietto ridotto € 4.50 a persona con prenotazione entro venerdì 14 3356342774- 3397784852.

5. Musss – Museo Naturalistico, Centro Visite CEAS del Parco Sasso Simone e Simoncello

Viale dei Tigli 5, Pennabilli (334 5760963, 320 4510733, edu@chiocciolalacasadelnomade.it; info@musss.it)

Il museo ospita una scenografica mostra permanente di diorami, che presentano le principali specie animali del parco nel loro ambiente naturale, fedelmente ricostruito.

Programma:

  • Visita guidata al Museo gratuita e, su prenotazione, nell’orario che si desidera.
  • Ore 15 “Palline di biodiversità”: laboratorio di creazione di palline di argilla metodo Fukuoka, con semi da piante selvatiche locali: delle vere e proprie ‘bombe di Biodiversità’ con fiori e piante in grado di nutrire il terreno e attirare preziosi insetti! Attraverso un’attività manuale di semina nell’aiuola del Museo impareremo a riconoscere piante mangerecce, velenose o tintore presenti nel nostro territorio!

6. Azienda Agricola Martini Giorgio

Via San Marco 930 – loc. Croce – Monte Colombo (0541 985396, 329 5612823, az.martinigiorgio@libero.it)

Bovini, suini, ovini, polli, anatre, oche, piccioni, conigli. Uliveto e vigna. Olio d’oliva, cereali (grano, orzo e sorgo), foraggi.

Programma: visita agli animali.

7. Soc. Agr. I Fondi di Zavatta e C. S.S.

Località Uffogliano 154, Loc. Secchiano Marecchia, Novafeltria (335 5286699, 338 4543583, agricolaifondi@gmail.com)

L’azienda, ubicata nel cuore del Montefeltro, alleva allo stato brado e semibrado suini di Razza Mora Romagnola.

Programma: dalle ore 10 visita all’azienda agricola, ai suini di razza Mora Romagnola nei recinti e nelle stalle. Possibilità di acquisto dei prodotti e piccola degustazione. Su prenotazione è possibile consumare i prodotti acquistati negli spazi messi a disposizione dall’azienda.

Chiuso in caso di pioggia.

8. Agriturismo Torre del Poggio

Via Pianventena 681, San Giovanni in Marignano (0541 955195, 320 8424506, 347 4305989, torredelpoggio@libero.it

Vino – olio.

Programma

L’iniziativa si svolge alla cantina in via Pianventena 681 a San Giovanni in Marignano, sia alla mattina sia al pomeriggio con il seguente programma:

  • visita alla cantina con degustazioni guidate e nozioni sulle tecniche di vinificazione;
  • degustazione di vini, olio, accompagnati da pane e piadina fatti in casa. Ciambella e biscotti da bagnare nel vino dolce, come si faceva una volta.

9. Fattoria Didattica Amaltea

Via Ca’ Baldo 2, Loc. Ca’ Baldo, Montegridolfo (0541 855195, 329 8873411,  fattoriamaltea@gmail.com)

La Fattoria Didattica Amaltea si trova a pochi km dalla riviera romagnola nell’entroterra riminese.

Programma

  • Mattina: visita guidata alla Fattoria
  • Pranzo: degustazione di prodotti
  • Pomeriggio: preparazione della pasta fresca (utilizziamo solo farina integrale di grano duro Senatore Cappelli, un grano antico coltivato in azienda con metodo biologico); passeggiata nel bosco.

10. Soc. Agr. Il Mio Casale – Agriturismo

Via Canepa 700, Loc. Croce, Monte Colombo (0541 985164, 3476288251, info@ilmiocasale.it)

Il mio casale è una società agricola e agrituristica specializzata in coltivazioni interamente biologiche.

Programma

  • Opportunità ricreative: parco con gazebo, possibilità di pranzare in azienda, anche con piadineria e stuzzicheria, degustazione e acquisto dei nostri prodotti.
  • Visita guidata alle serre e all’orto estivo. Visita al vigneto e alla cantina e al molino. Opportunità di conoscere e vedere gli animali: caprette e asinello.

11. Le Delizie del Frantoio Paganelli

Via Felsine 371, Loc. Lo Stradone, Santarcangelo di Romagna (0541 629720, info@oliopaganelli.it)

L’azienda agricola si trova a ridosso dei primi colli di Santarcangelo di Romagna. Nasce a fine anni sessanta. Oggi possiede un oliveto di circa 7 ettari, con varietà tipiche certificate.

Programma: Dalla raccolta all’olio. Si parte vicino agli olivi. Tutti capiranno come si produce un grande olio e quanto quest’olio è importante nella nostra alimentazione. Probabile lavorazione delle olive dal vero.

12. Az. Agr. ed Agrituristica Il Capannino di Pietro Allevi

Via Belarda 494, Loc. Croce, Monte Colombo (0541 985487, 339 3851125, 335 8219992, info@ilcapannino.com)

Il Capannino è un’azienda ad indirizzo olivicolo, vitivinicolo e ortofrutticolo.

Programma

  • ore 10:00 visita all’azienda e agli animali della fattoria con presentazione.
  • ore 12:30/13:00 pranzo con prodotti aziendali con menù fisso a € 15,00 adulti e € 10,00 bambini fino 11 anni.
  • ore 15:30 percorso guidato alle erbe spontanee, alla vigna, agli ulivi, alle api e al piccolo orto della nonna.

13. Fungar

Via Bruscheto 27, Coriano (0541 657308, info@fungar.it)

La Fungar, situata ai piedi delle colline di Coriano, si occupa da quasi 40 anni della coltivazione di funghi delle varietà champignon bianchi e crema, portobello, pleurotus (o gelone) e cornucopia.

Programma: L’azienda propone visite guidate alle coltivazioni dei funghi, riflettendo sul ciclo biologico del fungo, dalla sua materia prima, la paglia, che riesce ad essere utile ben tre volte, alle caratteristiche nutrizionali dei funghi, un alimento privo di grassi e zuccheri, ma ricco di proteine. Assaggi di funghi per tutti. Ai piccoli ospiti si proporrà la raccolta del fungo Portobello e si chiederà di disegnare il loro incontro con i funghi. Il percorso è pianeggiante, pavimentato e idoneo a bambini e anziani, al coperto e praticabile anche in caso di pioggia.

Autunno, ecco 5 motivi per cui ci piace

Condividi

Comments are closed.