Il teatro nel weekend regala nuove emozioni

0
Condividi

Avvicinare i bambini fin da piccolissimi al teatro è un’esperienza che li arricchisce, andando a stimolare le loro doti innate di fantasia e immaginazione, apre al confronto e al “diverso”, e fa scoprire parti nascoste di sé. Gli appuntamenti non mancano questo fine settimana da Santarcangelo a Morciano.

1.

Domenica 17 febbraio, alle 17.30, al Teatro il Lavatoio a Santarcangelo (allora dopo il Carnevale) l’ultimo appuntamento di “Domeniche a Teatro” con “SeMino” della Compagnia La Luna nel letto.

Mino ha una tana in giardino. Ogni giorno Mino esce dalla tana per raccogliere foglie secche da conservare. Non si sa mai, potrebbero sempre servire! Ma un bel giorno in quel giardino a Mino capiterà di non raccogliere più soltanto foglie secche, ma anche un seme, lasciato lì, forse non per caso, da una curiosa signora, che scandirà il passaggio delle stagioni e si prenderà cura di quell’incontro. E quel seme porterà con sé altro da scoprire, osservare e raccogliere. Per dirla in breve, un’occasione.

SeMino è un progetto che nasce dalla ricerca di forme alternative di educazione ambientale che ci piace chiamare forme di educazione sentimentale. SeMino è metafora della vita in qualsiasi forma si manifesti, è il maschile e il femminile, è la parte più esplosiva e più nascosta, è l’eterna lotta tra ciò che è e ciò che potrebbe essere, le parole non dette e le parole che si fanno corpo… è l’attesa dell’attimo in cui poter fare esplodere la felicità. Il teatro fisico, le arti visive, il video e la musica saranno i linguaggi utilizzati per comunicare anche con il pubblico dei piccolissimi. La parola in questa esperienza, è parola corporea, danza di gesti legati alla ritualità dello scorrere del tempo, una parola che si fa immagine, che si intreccia al movimento, ai suoni, ai silenzi.

Ingresso: 5 euro bambini, 7 euro adulti. Info: 0541 626185

2.

Domenica 17 febbraio, alle 16.30, sará l’ultimo appuntamento della rassegna “La Bellina (per ragazzi e famiglie) allo Spazio Tondelli a Riccione, a cura di Riccione Teatro e Alex Gabellini.

Questa volta va in scena “Alice nella scatola delle meraviglie” della compagnia “Le Meccaniche Semplici”.

È sera, Alice deve andare a letto ma non ne ha voglia: vuole scoprire cosa succede mentre di solito dorme. Del resto, non è più così piccola per crollare dal sonno, ma neppure grande abbastanza per uscire da sola. Senza accorgersene, scivola così nel mondo dei sogni e della fantasia, e ci svela la confusione che crea il passaggio dall’infanzia all’adolescenza. A fare da cornice alle sue avventure è una scenografia magica, che mette giocosamente in mostra le finzioni del “teatro”: una scatola in perenne movimento che lo Stregatto pare gestire come vuole, catapultando Alice senza sosta da una meraviglia all’altra.

Ingresso: 6 euro. Info: 320 0168171

3.

Al Teatro Villa di San Clemente domenica 17 febbraio, alle ore 17, inaugura “A teatro con mamma e papà”, la collana di appuntamenti per passare le domeniche in famiglia, con “Spizzichi di Pizzico”, di e con Mirco Gennari, spettacolo adatto ad adulti e bambini dai 3 anni d’età.

C’era una volta una merenda che per motivi sempre più assurdi proprio non si riusciva a fare… a pancia vuota si ragiona male! La faccenda poi si complica: nel sacchetto è rimasto solo il pane, che fine ha fatto la farcia? Così la fame di Pizzico s’ingrandisce inverosimilmente, impedendogli persino di accorgersi del pane che ha in mano, in un alternarsi di situazioni che lo costringono sempre di più a mettere a nudo la sua inadeguatezza. E così per dimenticare la fame insidiosa, Pizzico si distrae – che è una cosa che per fortuna gli riesce bene – e inanella clownerie, numeri di mimo ed equilibrismo, ma alla fine la fame si ripresenta ancora più grande di prima, e anche le due fette di pane sembrano ancora più vuote, ancora più grandi, enormi e non trovando nulla da mettergli in mezzo, Pizzico è costretto a prendere atto che, forse, è lui stesso la merenda? Ma no, si tratta solo di un altro scherzo, un altro degli spizzichi di Pizzico.

Con questo assolo Mirco Gennari torna a uno dei suoi primi amori, il clown, mescolando l’estro di attore e le abilità di equilibrista in un nuovo spettacolo che festeggia i 20 anni di fortunato connubio col suo alter-ego Pizzico.

Ingresso: intero 7 euro, ridotto fino a 14 anni 5 euro. Info: 391-3360676, teatrovilla@cittateatro.it

4.

Domenica 17 febbraio, alle 16.30, all’Auditorium della Fiera a Morciano di Romagna prosegue la rassegna “Il Nido di formica” con “La Principessa capriccio” del Teatro in Trambusto e LeMat.

C’era una volta un Re che amava le piante grasse, una Regina che amava ascoltare la musica a pieno volume, dei servitori che lavoravano con i tappi nelle orecchie a causa della musica e i guanti per non pungersi con le spine delle piante grasse e c’era la Pincipessina, tanto bella quanto capricciosa.

Una storia di amicizia e di crescita, dove gli adulti mostrano le proprie fragilità e i bambini imparano da queste ad essere migliori.

Ingresso: posto unico, 5 euro (dai 4 anni in su). Info:

5.

Al Teatro Petrella di Longiano arriva Sagapó, l’inno alla vita di André Casaca tra gioco ed euforia: sabato 16 (ore 21) e domenica 17 febbraio (ore 16) in prima nazionale il nuovo spettacolo dell’attore, regista e clown originario del Brasile. Il suo è un teatro fisico, poetico, ironico.

Come una linea tracciata all’inverso, Sagapò celebra la vita a partire dalla morte. Attraverso un rituale di gesti ripetuti si è ricercata un’essenzialità che porta alla pulizia delle emozioni, allo svuotarsi di ciò che ingombra per ritrovare lo spazio al sentire semplice, all’apertura, al gioco, all’euforia. Un’essenzialità che parte dalla scelta scenica: nero e bianco. Un uomo e una donna. Due sedie e un microfono. Una chitarra.

Un teatro fisico, a tratti comico e grottesco, poetico e assurdo, dove la parola diventa gramelot, dove la musica e il suono in scena dialogano con il movimento. Due personaggi eleganti che si rincorrono, aspettano, danzano a piedi scalzi sopra una terra secca. Si intrecciano le voci di un rito funebre, il ritmo rebetiko di una festa, gli allegri saluti di chi parte e di chi arriva.

Ingresso: intero 10 euro, ridotto 5 euro (riduzione per chi ha meno di 14 anni). Info: 0547 666008

CLICCA QUI per scoprire le altre iniziative del WEEKEND dedicate ai bambini a Rimini e dintorni

Condividi

Comments are closed.