Tre weekend, tre cittá: al via “Bim!”, il microfestival per bimbi e ragazzi

0
Condividi

Convegno, percorsi per le scuole, laboratori e atelier, performance e percorsi narrativi, installazioni e mostre… Domenica 8 ottobre torna BIM!, il festival multidisciplinare dedicato alla cultura e all’arte contemporanea per bambini, ragazzi e le loro famiglie a cura di Katrièm Associazione.  Appuntamenti a Santarcangelo, Savignano e Cesena. Scopri il programma

Domenica 8 ottobre torna la settima edizione di “Bim! Microfestival di Cultura Infantile”, che da quest’anno avrà tre appuntamenti in città diverse: Santarcangelo, Savignano sul Rubicone e Cesena. Organizzato da sempre dal Katrièm Associazione Culturale di Cesena il suo scopo principale è quello di allestire una vetrina multidisciplinare dedicata alla cultura e all’arte contemporanea per bambini, ragazzi e le loro famiglie, manifestando anche attenzione per le tematiche attuali legate alla realtà, all’educazione, al rapporto genitori figli.

Il programma della settima edizione sarà spalmato lungo tutto il mese di ottobre: a Santarcangelo si terrà l’8, mentre il 15 a Savignano sul Rubicone e dal 14 al 29 a Cesena.

BIM_microfestival_2017

Verranno offerte due proposte di cui una costituita da tre week end di performance, laboratori, mostre, percorsi narrativi, installazioni e mostre dedicate ai bambini e ragazzi e alle loro famiglie, l’altra un “Convegno-Laboratorio” sui temi dell’educazione libertaria rivolto ad adulti, in particolar modo ad insegnanti, educatori e genitori. “Con questa edizione – sottolinea Valentina Pagliarani, curatrice della direzione artistica di Bim! – abbiamo voluto fare un salto di qualità. Ci siamo allargati ad altre due città come Santarcangelo e Savignano sul Rubicone dove porteremo le nostre iniziative sorrette da quelle del luogo in modo di allargare sempre più la cultura e gli aspetti educativi nel mondo dell’infanzia e della preadolescenza. Non più un semplice weekend, come gli altri anni ristretto a Cesena, ma una serie di attività culturali e stimolanti, per figli e genitori ed educatori, che abbracceranno tutto l’arco del mese”.

Il festival si terrà a Santarcangelo al Musas (piazzetta Monache 1), a Savignano sul Rubicone (sala Allende, Vecchia Pescheria in via Vendemmini 67/51), mentre a Cesena ( Galleria ex Pescheria in via Peschiera 23, Museo di Scienze Naturali in piazza P. Zangheri, Teatro Bonci in piazza Guidazzi e libreria Ubik in piazza del Popolo 25).

La programmazione

Santarcangelo, domenica 8 ottobre (Musas)

In occasione di FAMU “Giornata nazionale delle famiglie al museo” Bim! propone domenica 8 alle 16 al Musas di Santarcangelo di Romagna “PARANGOLé” un laboratorio e una performance di danza per bambini dai 6 anni e genitori. Il workshop, curato da Valentina Pagliarani e Viviana Gravano, parte dal lavoro dell’artista brasiliano Hèlio Hoiticica e dai suoi parangolè, opere collettive costruite con diversi materiali di scarto e realizzati con le stesse modalità con cui gli abitanti delle favelas autocostruivano le loro case. Partendo dai principi fondamentali come lo scambio, la condivisione, il riciclo e l’autocostruzione partecipanti saranno condotti nella creazione di piccole case con diversi materiali di scarto per poi smontarle e trasformarle in Parangolè, “abiti” da indossare insieme e con i quali danzare. Il gruppo di giovani danzatrici Parsec, partendo dagli avanzi delle costruzioni realizzate e dai Parangolè creeranno un breve gioco – performance per i partecipanti al workshop.

santarcangelo_bim_ottobre_2017

Per i più piccoli invece il Pam Club propone “Storie dell’altro mondo! Racconti di tutti i colori”. Accompagnati dallo slogan della Giornata delle Famiglie al Museo, La cultura abbatte i muri!, si conosceranno sciamani, frutti esotici e giaguari ascoltando voci lontane, al di là di terre e mari, che sembreranno così vicine… Seguirà una merenda per tutti.

Savignano, domenica 15 ottobre

Il secondo appuntamento in programma per le famiglie si svolgerà a Savignano sul Rubicone in alcuni spazi del centro storico. Alle ore 15 nella sala Allende si svolgerà “Isole remote”, laboratorio di arti visive, geografia sperimentale e movimento creativo a cura di Chiara Castaldini e Alessandro Carboni – progetto Pingelap / Formati sensibili rivolto a bambini/e dai 4 anni e genitori. Il laboratorio prendendo liberamente spunto dall’omonimo testo di Judith Shalansky condurrà bambini e genitori in un viaggio di esplorazione tra realtà e immaginazione per scoprire e collezionare dettagli geografici, ricchezze, letterature sugli accadimenti di alcune tra le isole più piccole e lontane del mondo. Le stesse isole diventeranno poi uno spazio teatrale in cui i bambini potranno ambientare gli avvenimenti e le vite circoscritte di queste piccole regioni. Successivamente alle ore 18 nella performance “L’atlante di Judith” le dettagliate descrizioni delle isole diventano articolata narrazione: mentre un performer legge le storie ad alta voce, un secondo performer le ripete con un linguaggio diverso e le anima attraverso l’uso di oggetti e di vari materiali.

Alle 17 presso la Vecchia pescheria si svolgerà la performance e atelier “La sartoria del coniglio Juan Rafael: abiti per animali” di Katrièm Associazione, con Valentina Pagliarani e Sissj Bassani. I partecipanti intraprenderanno un viaggio insieme a Vladimir Radunsky, viaggiatore, collezionista e amico degli animali, in un immaginifico mondo dove danzano insieme ironia, immaginario e sentimenti. Incontreranno un coniglio sarto alla ricerca della propria sartoria, l’audace cavalla Margherita, la sposa Anaconda, la giraffa innamorata Chuck, i piccioni russi di Parigi, e tanti altri animali stravaganti. Consigliato a bambini/e dai 6 anni e genitori.

CESENA – VENERDì 20, SABATO 28 e DOMENICA 29 OTTOBRE

Il programma per le famiglie di Bim! si conclude a Cesena con tre giornate di attività.

Venerdì 20 ottobre alle 16 inaugura la mostra di Bim! “Diversitàttaratà. sguardi curiosi sulle differenze”, allestita nella Galleria Ex-Pescheria, con la presenza delle artiste, atelier e visite guidate, un piccolo concerto in collaborazione con il conservatorio Bruno Maderna di Cesena e una dolce merenda per tutti.

La mostra presenta diverse sezioni: lavori realizzati da bambini/e della Scuola di Borgo Indaco che attraverso diverse esperienze estetiche hanno esplorato il tema della diversità attraversando il modo animale, quello delle piante per giungere poi a quello delle persone; lavori realizzati da ragazzi e ragazze di tre laboratori per adolescenti (Orgogli e Pregiudizi, Love Difference e Multiversi) nei quali hanno lavorato con modalità sempre diverse sull’interculturalità e sulle differenze di genere realizzando oggetti, perfomance, opere fotografiche, grafiche e testuali in totale autonomia creativa; un’istallazione ludica, curata da Paola Bommarito per il collettivo Ulissi (sezione di Routes Agency di Roma) che si interessa di produrre giochi, residenze artistiche e azioni per una cultura anti-mafia; due stanze personali delle artiste Roberta Baldaro e Giorgia Valmorri.

Da lunedì 23 a sabato 28 ottobre BIM! propone diversi percorsi per le scuole di ogni ordine e grado legati alla mostra per giocare con l’arte ed esplorare in modo ludico il tema della diversità. La partecipazione è gratuita. Sarà possibile prenotare i percorsi fino ad esaurimento posti scrivendo ad info@katriem.it

La mostra sarà aperta dal 20 al 29 ottobre nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19 e sabato e domenica dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.

Sabato 28 ottobre alla sera dalle 20.30 alle 22.30 presso il Museo di scienze naturali, il laboratorio “La Città che si Muove” a cura degli architetti e designer Laura Negrini e Carmelo Baglivo. Il laboratorio propone un’esperienza di creazione di paesaggio narrativo basato sulla relazione tra digitale e analogico, spazio reale e immagini virtuali, rappresentazione astratta e oggetto fisico. Ogni partecipante potrà sperimentare come sia possibile trasformare diversi contesti attraverso il movimento e disegnare nuovi paesaggi cambiando solo la scala degli oggetti. Contemporaneamente nella Galleria ex-pescheria Katrièm Associazione propone “Occhi aperti. Occhi chiusi” atelier e dialogo narrativo nella mostra di Bim!.  Attraverso l’attivazione di un percorso narrativo e laboratoriale i bambini saranno accompagnati in un gioco alla scoperta delle opere e installazioni di BIM! nella mostra “Diversitàttaratà”. Come in ogni gioco ci saranno delle regole: occhi aperti o chiusi? toccare o annusare? in piedi o stesi? immobili o in movimento? silenzio o rumore? Ogni opera avrà qualcosa da raccontarci e noi saremo pronti ad ascoltare.

Entrambe le attività sono rivolte ai/alle bambini/e dai 4 anni e genitori. Sono previsti due gruppi con accesso alle ore 20.30 e alle ore 21.15.

Domenica 29 ottobre dalle 15.30 alle 18.30 Bim! propone un percorso attraverso il Teatro Bonci con installazioni partecipate e percorsi narrativi per vivere tutti gli spazi del teatro in modo ludico e inusuale. Tre le attività proposte come tappe di un unico percorso: “L’ora Magica” installazione narrativa di Silvia Costa; “La raggion der perché” installazione interattiva di Simone Memè e Giulio Pernice con introduzione narrativa di Valentina Pagliarani e suono a cura di Glauco Salvo; “Animali diversi” percorso narrativo a cura di Neera Pieri.

Per bambini/e dai 4 anni e genitori / accesso a piccoli gruppi con repliche ore 15.30 e 17.00. Durata percorso 1h30’.

Condividi

Comments are closed.