Un weekend a Rimini con il ‘Piccolo Mondo Antico Festival’

0
Condividi

Dai legionari romani al villaggio neolitico, dalla porcellana di Cina alle spezie d’oriente… Da venerdí 12 a domenica 14 ottobre a Rimini l’edizione 2018 di Piccolo Mondo Antico Festival, dedicato a bambini e ragazzi, coinvolti con il gioco, la creatività, la scoperta e il divertimento.

Ottobre si prepara ad accogliere la nuova edizione del Festival del Mondo Antico a Rimini che dá spazio ad un anniversario tondo… Giunge quest’anno alla XX edizione il festival, nato nel 1999 come “Antico/Presente”. Il traguardo raggiunto con questa edizione è importante e non scontato: suggella il valore dalla manifestazione che ha sempre coinvolto un folto pubblico, accendendo luci sul distretto “dell’antico” di cui Rimini è capoluogo, in un’originale lettura del lontano passato quale presupposto per interpretare il mondo contemporaneo.

Il Festival esprime una Rimini aperta a diversi linguaggi, capace di affiancare alla vocazione turistica-balneare una proposta culturale rappresentativa della propria identità nel rapporto sempre vitale fra passato e presente.

La manifestazione è una full immersion in un itinerario di più giornate di taglio sia scientifico che divulgativo con esperienze diversificate nel linguaggio e nelle forme di comunicazione. E con un’opportunità in più per le famiglie: la possibilità di fruire parallelamente di proposte per gli adulti e per i ragazzi, sempre nell’ottica della divulgazione.

“Tra Oriente e Occidente. Dialoghi nel Tempo” è il titolo dell’edizione 2018 del Festival del Mondo Antico che, nell’anniversario della morte di Sigismondo Pandolfo Malatesta (9 ottobre 1468), chiude le celebrazioni malatestiane. Al centro un tema di ampio respiro quale quello del rapporto tra Occidente e Oriente che attraversa tutta la storia europea connotando anche l’epoca di Sigismondo, personaggio simbolo di un mondo che, alla metà del Quattrocento, si accingeva a cambiare radicalmente.

Come nello spirito di Antico/Presente, l’argomento-guida spazierà attraverso le epoche, fino alla contemporaneità, e sarà affrontato da molteplici punti di vista, sempre con un’attenzione al rapporto fra passato e presente e con uno sguardo sul panorama internazionale. Fra storia, letteratura, filosofia, archeologia, arte, antropologia, religione, economia… gli incontri vedranno il coinvolgimento di importanti studiosi italiani e stranieri.

Il Festival offre inoltre l’occasione per una sinergia con importanti realtà museali del panorama nazionale (Fondazione Musei di Torino e in particolare MAO – Museo d’Arte Orientale) e locale: da Cattolica a Riccione, da Verucchio a San Leo e Santarcangelo, ognuno con la sua vocazione e le sue peculiarità a disegnare un ricco scenario per gli appuntamenti del Festival.

Il Festival si rivolge ai più giovani con l’oramai tradizionale “Piccolo Mondo Antico festival” che coinvolge i piccoli in attività ludiche per vivere al Museo un’esperienza da protagonisti.

Questo il programma degli appuntamenti per bambini e giovanissimi

Sabato 13 ottobre

dalle ore 15 alle ore 17.30 – Domus del Chirurgo e Piazza “L. Ferrari”

Nei panni di un legionario

Insieme ai legionari sperimentiamo come era configurato l’esercito romano e impariamo a muoverci in gruppo, come una squadra.

A cura dell’Associazione Culturale Legio XIII Gemina-Rubico con la collaborazione di Romina Pozzi e Francesca Tentoni

Per bambini e ragazzi da 7 anni

Ingresso libero

Domenica 14 ottobre

Le attività, ove non diversamente segnalato, si svolgono al Museo della Città di Rimini (via L. Tonini, 1).

ore 10.00

La luce del mosaico bizantino

Con tessere in pasta vitrea realizziamo dei bellissimi mosaici come quelli bizantini che possiamo ammirare a Ravenna.

A cura di Elisa Brighi

Per bambini da 8 a 12 anni

ore 10.00

Sigismondo e Isotta. Un amore d’altri tempi

Tempio Malatestiano di Rimini (luogo di incontro)

Una breve storia dei Malatesta introduce al racconto d’amore fra Sigismodo e Isotta esaltato, secondo una tradizione, dal Tempio Malatestiano. È questa la chiave per conoscere alcune opere custodite al suo interno e poi, al Museo, “scolpire” il monogramma di Sigismondo su un medaglione in pasta di sale.

A cura di Maria Cristina Di Vito

Per bambini da 5 a 8 anni

ore 10.30

Un villaggio neolitico in festa!

Momenti di vita in due villaggi di agricoltori e allevatori nella valle del Marecchia, tra cacci, pesca, attività artigianali e…un matrimonio.

A cura di Stefano Sabattini

Per bambini da 7 a 10 anni

ore 11.00

Gira e rigira… crea e decora

Tramite il viaggio, lo scambio di conoscenze e l’incontro di artisti giunge anche in Occidente il modello dell’arte orientale basato sulla ripetizione dei motivi ornamentali. Dopo aver osservato alcuni esempi nei mosaici della Sezione Tardoantica, ognuno, con colori e moduli stilizzati, creerà la sua originale decorazione.

A cura di Jessica Benedini

Per bambini da 3 a 7 anni

ore 11.00

I colori della via delle spezie

Il laboratorio si propone di far conoscere le spezie che arrivavano nel mondo occidentale tramite i traffici commerciali con l’Oriente e di colorare con esse alcuni disegni tipici orientali

A cura di Angela Marcatelli

Per bambini da 6 a 10 anni

ore 11.30

Nella taberna medica… di Eutyches

Chi era Eutyches? Quali le sue origini? Lo scopriamo osservando i suoi strumenti chirurgici e indagando l’uso delle erbe attraverso la visita alla sua Taberna Medica. Il paziente? Una sagoma di carta. Gli strumenti? Realizzati dai ragazzi in cartoncino. Le malattie da curare? Sarà il sacco di Ermarco a proporre le sfide ai piccoli chirurghi

A cura di Elisa Marzi, in collaborazione con Martine Scalini e Laura Salvati

Per bambini da 8 a 11 anni

ore 15.30

Oro e colore di Sigismondo

Il prezioso tessuto di raso e broccato del manto di Sigismondo è fonte di ispirazione per ricreare la trama damascata con l’arte della doratura. L’attività, che può essere svolta anche in lingua inglese, ha una durata di circa 3 ore.

A cura di Antonietta Corsini

Per ragazzi da 10 anni e adulti

ore  15.30

Un viaggio in Cina. La porcellana blu e bianca

Dipingiamo su di una ciotola in ceramica i motivi decorativi dell’antica scuola della dinastia Ming prendendo spunto dal piatto del Museo degli Sguardi.

A cura di Evelina Garoni

Per bambini da 7 a 11 anni

dalle ore 16 alle ore 18

Riccione, Museo del Territorio – Iniziativa gratuita

Un corteo imperiale. Giustiniano e Teodora a Ravenna

Per bambini e ragazzi da 6 a 13 anni

ore 16.30

Spezie d’Oriente, furore in Occidente

Un viaggio nella cucina delle corti malatestiane attraverso un percorso di visita teatralizzato e plurisensoriale alla ricerca delle spezie più usate in epoca malatestiana per ricostruire una ricetta dell’epocabizantini che possiamo ammirare a Ravenna.

A cura di Martine Scalini, in collaborazione con Laura Salvati e Elisa Marzi

Per famiglie e bambini da 3 a 10 anni

ore 16.30

Un nuovo volto per Sigismondo

Il ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta nei tondi marmorei del Tempio Malatestiano, opera di Agostino di Duccio, assume nuova forma e colore nell’interpretazione che utilizza materiali diversi anche al tatto.

A cura di Michele Vescio

Per bambini da 7 a 11 anni

ore 17.00

Gioielli orientali

Il laboratorio si propone la riproduzione di alcuni gioielli  con pietre che giungevano nel mondo romano dall’Oriente

A cura di Elisa Brighi

Per bambini da 6 a 10 anni

ore 17.30

Vengono da lontano. Storie di uomini e dei

Una caccia al tesoro che prende le mosse dalla storia del chirurgo Eutyches, giunto a Rimini da lontano per poi andare alla scoperta degli altri legami della città romana con l’Oriente.

A cura di Romina Pozzi e Francesca Tentoni

Per bambini da 7 a 10 anni

Prenotazione: 329 2103329 da lunedì a venerdì ore 9-13 e nei giorni del Festival

Pagamento di una quota di partecipazione di € 5,00

Cura e organizzazione di Angela Fontemaggi e Orietta Piolanti con la collaborazione di Maddalena Mauri (Musei Comunali Rimini)

Condividi

Comments are closed.