Un Ponte di Ognissanti all’insegna del… Blu

0
Condividi

Centinaia di bambini e una troupe della Rai hanno visitato la mostra-gioco ‘Blu blu blu’ al Museo della Cittá di Rimini – Ala Nuovo durante il “weekend lungo”, posti esauriti nei laboratori. Breve reportage degli eventi, un piccolo assaggio per chi ancora non l’ha vista (è aperta sino a domenica 11 novembre)

Orari prolungati ed eventi collaterali per accogliere le famiglie durante il Ponte di Ognissanti, da giovedì 1 a domenica 4 novembre, alla nuova mostra-gioco “Blu blu blu” al Museo della Città (Ala Nuova) a Rimini. La mostra, ideata da Immaginante e aperta fino all’11 novembre, fa parte del progetto ‘EDUCarte – Sentieri di lettura e arte condivisa’, ideato dall’associazione La Bottega Culturale e sostenuto dal Comune di Rimini, che propone varie iniziative per bambini e famiglie nel periodo ottobre-dicembre. (Info e prenotazione: 349 4235530)

Le quattro giornate hanno visto centinaia e centinaia di bambini visitare la mostra ‘Blu blu blu’, che attraverso installazioni e stanze varie è concepita come un viaggio per scoprire e riscoprire il colore blu nelle sue magiche sfumature cromatiche e sonore. Sabato 3 novembre anche una troupe della Rai, guidata dalla giornalista Giovanna Greco, è stata ospite delle sale del Museo della Città, realizzando un servizio per il Tg3 regionale Emilia Romagna.

Il percorso, da compiere alla presenza di una guida, inizia nella ‘Stanza dei Libri blu‘, dove i libri non sono ‘normali’, ma sui muri, raccontando storie in blu.

Nella ‘Stanza delle storie’ si ascolta lo strano caso della sedia blu: racconto liberamente tratto dall’albo illustrato ‘La sedia blu’ di Claude Boujon (Babalibri). Cosa può diventare una sedia? Magari un’auto, una valigia, oppure una casetta? Basta sognare…

Poi nella ‘Casa Bluetta‘ i piccoli preparano la tavola a ritmo di blues, ovviamente con piatti, cucchiai e altre stoviglie di colore blu. Ma poi inizia il concerto: i piccoli prendono bottiglie trasparenti con tappo blu (e dentro acqua di colore blu, naturalmente), e il concerto incomincia.

Nella stanza successiva i bambini scoprono Sabbie incredibilmente celesti per inventare cieli stellati, girotondi di pianeti e soffici lune…

E poi si prosegue per giungere a un Mare a dondolo per bagnarsi le orecchie di blu oltremare.

A conclusione del percorso guidato, per bambini e familiari un laboratorio creativo: preparare un mosaico dai tasselli speciali da portare a casa come ricordo del viaggio fantastico nei mille mondi Blu.

La mostra ‘Blu blu blu’ è aperta sino a domenica 11 novembre. La visita è guidata da un operatore culturale e partecipano alla mostra-laboratorio anche gli adulti (durata 1 ora). Costo: 5 euro. Prenotazioni: 349 4235530

Laboratori nel segno della musica e natura…

Non sono mancati i laboratori per i bambini in questi giorni di inizio novembre. Giovedì 1, alle 17, era in programma ‘Note Blu‘ per bambini dai 4 ai 10 anni, a cura di Raffaele Maltoni e Associazione Ludoteca delle Parole. Un appuntamento dedicato alla musica, alle canzoni che accompagnavano le favole per un laboratorio interattivo, giocoso a ritmo di musica.

Sabato 3 novembre, alle 10.30, è stata la volta di ‘La scatola azzurra‘ per bimbi dai 2 ai 5 anni, a cura dei Magnifici Lettori Volontari del Centro per le Famiglie. Come indica il titolo, nel laboratorio ci sono le scatole azzzurre, hanno un sfondo per richiamare il colore del mare, o del cielo. Lo scatola viene ricoperta con farina gialla o bianca per richiamare la terra. Poi accanto alla scatola vengono messi vari materiali a disposizione, completamente naturali, che richiamano il gioco, per poter creare piccoli mondi.

Lo scopo del gioco é entrare in contatto con materiali che forniscono una sensazione differente e possono così trasmettere diverse emozioni, e in piú c’é la possibilitá di creare attraverso questi materiali dei minimondi, ad esempio le pigne possono diventare alberi. “É molto bello perché richiama la natura e stimola il bambino a sviluppare la sua fantasia – hanno spiegato le curatrici – Ci teniamo molto come Centro per le Famiglie a favorire le relazioni genitori-figlio e in questo laboratorio é presente anche il genitore insieme al bambino, proprio per vivere un bel momento insieme, anche di conoscenza, esplorazione e quindi apprendimento“. Questo laboratorio era già nel programma del Centro per le Famiglie di Rimini e dopo questa ulteriore esperienza, sicuramente molto valida, verrà proposto anche in futuro.

Condividi

Comments are closed.