Mille e una storia… Tre giorni di festival tra convegni, installazioni e laboratori a Rimini

0
Condividi
Rimini in festa dal 17 al 19 maggio: incontri, laboratori, una caccia al tesoro interattiva e una installazione realizzata dai bambini. Scopri il programma
Arte, culture e tecnologie per valorizzare persone, istituzioni e luoghi. S’intitola “Mille e una storia. Mille e un’immagine” la festa lunga tre giorni che si svolgerà nel quartiere di Borgo Marina a Rimini dal 17 al 19 maggio.
Il festival, che coinvolge 500 bambine e bambini della scuola dell’infanzia Gambalunga e della elementare Ferrari, è organizzato nell’ambito del progetto ‘E se diventi farfalla’, coordinato dal Centro Zaffiria.

Si inizia venerdì 17 maggio con una giornata di studio e workshop dedicati alla valorizzazione della letteratura e dell’illustrazione araba per l’infanzia, grazie agli spunti dell’Institut du Monde Arabe di Parigi. Modelli di itinerari, workshop, attività e progetti educativi, riflessioni teoriche ed esempi pratici saranno il punto di partenza e una fonte di ispirazione per gli insegnanti italiani di scuola primaria e dell’infanzia che saranno guidati, nel corso di uno specifico laboratorio, dall’artista arabo Walid Taher, illustratore di libri d’arte per bambini. Gli incontri si svolgeranno presso il Cinema Fulgor (l’iscrizione é gratuita ma obbligatoria).

La mattina di sabato 18 maggio, in piazzale Cesare Battisti, si festeggia l’Open Day del progetto #nodrugstobecool, sostenuto dal Dipartimento antidroga del Comune romagnolo. Nel pomeriggio (dalle 15 alle 17) é in programma un laboratorio per le famiglie: un lungo laboratorio per bambini, bambine e famiglie guidati da Walid Taher. La storia di un tratto nero che incontra un rotolo di carta, per disegnare tutti insieme, con tutte le tipologie di pastelli, pennarelli, cere, carboncini…

Poi a partire dalle 17 – in Corso Giovanni XXIII e Via Gambalunga – tutti alle prese con una divertente Caccia al tesoro interattiva. Filastrocche, conte, ninne nanne sparse per il quartiere, da trovare con il proprio cellulare in un poetico urban game che coinvolge le famiglie e i suoni delle regioni del mondo. Elisabetta Garilli e Alessia Canducci lanciano il gioco in Via Gambalunga.

Domenica 19 maggio, dalle ore 10, Walid Taher dipingerà il marciapiede di Via Gambalunga, decorando i grandi e piccoli bolli bianchi predisposti dall’amministrazione comunale per guidare bambini e cittadini verso la scuola e il centro storico. Lo aiuteranno le bambine e i bambini che con i gessi potranno disegnare tutto il manto stradale.

Dalle 15 alle 17 é in programma “Hai un gatto in testa?” (Corso Giovanni XXIII): hai due ore di tempo per disegnare il tuo gatto e mettertelo in testa. Alza lo sguardo, prendi ispirazione dai gatti disegnati nel cielo, abbassalo e trova quelli di Walid Taher. Ora tocca a te, prima del gran finale.

Alle 17Re-Immaginare un quartiere e una cittá“, partendo dai bambini e dalle bambine con Andrea Gnassi, Sindaco del Comune di Rimini; poi “Trunkerumpampumpera” (via Gambalunga): Spettacolo / Performance / Follia in musica collettiva – filastrocche, conte, ninne nanne e 5 gatti. La storia racconta di 5 gatti tratti dal folclore popolare e dai ricordi delle mamme della scuola Ferrari che hanno prestato la loro voce e i loro ricordi. Elisabetta Garilli ha scritto una partitura musicale in cui le lingue del mondo si inseguono su tanti strumenti proprio come 5 gatti pronti a ricordarci che c’è qualcosa che ci tiene insieme, sempre.
Tutti in via Gambalunga, guidati dal palco, prosegue la Caccia@ al Tesoro Aumentata con un ballo collettivo,
con Garilli Sound Project e Alessia Canducci.

A chiusura della tre giorni, una grande cena in strada “alla ligaza” (Corso Giovanni XXIII) per condividere il pane e l’allegria.

Condividi

Comments are closed.