Torna il ‘Piccolo Mondo Antico Festival’ a Rimini

0
Condividi

Dalla realizzazione di un gioiello pre-protostorico all’antica Roma, dalla vita dell’uomo preistorico all’innovativa tecnica del dripping… Sabato 12 e domenica 13 ottobre a Rimini l’edizione 2019 di Piccolo Mondo Antico Festival, che si rivolge ai più giovani con proposte nuove, inerenti il tema dell’edizione, ma anche appuntamenti già collaudati. Scopri il programma

Rimini si prepara ad accogliere dall’11 al 13 ottobre la nuova edizione, la XXI, del Festival del Mondo Antico. Il Festival è oramai divenuto veicolo per la promozione e la valorizzazione del patrimonio tangibile di testimonianze originali e identitarie dalla preistoria (quale la civiltà villanoviana di Verucchio) all’epoca romana (con Ariminum e il suo patrimonio di monumenti e di siti archeologici) fino al Rinascimento, splendido erede della stagione classica. Tre giorni di incontri, tavole rotonde, presentazioni di libri, visite guidate… in cui leggere il passato per comprendere il presente e costruire con maggiore consapevolezza il futuro. 

L’edizione 2019 dal titolo Il genio del fare. Mestieri e talenti si propone di trattare un argomento attuale e scottante quale quello del LAVORO, una necessità dell’individuo e delle collettività che percorre tutta la storia dell’uomo e che oggi attraversa una critica stagione evolutiva, condizionata dalle nuove tecnologie e dalla rivoluzione robotica alle porte.

Il Festival propone tre giornate di incontri arricchite da un’anteprima dal 4 al 6 ottobre che crea un trait d’union con l’edizione 2018 dedicata alle celebrazioni malatestiane.

Il Festival offre la cornice anche per un’anticipazione delle tante iniziative che Rimini dedicherà a Federico Fellini nel 2020, anniversario del centenario dalla nascita del grande regista. La manifestazione è anche l’occasione per “scoprire”, nei numerosi percorsi guidati, aspetti meno consueti della città, dei Musei e dei suoi monumenti, anche aprendo porte finora chiuse al pubblico.

Non mancheranno la rievocazione storica e l’archeologia ricostruttiva proposte dalla Legio XIII Gemina-Rubico, presente nelle tre giornate del Festival con incontri sul mestiere del legionario, sul tempo dell’otium per i Romani, e sulle macchine da guerra che vedrà la ricostruzione di un onagro per assedio, illustrata da uno dei massimi studiosi di storia militare, Giovanni Brizzi (domenica 13 ottobre Museo della Città, giardino Khaled al-Asaad ore 15.30).

A fianco delle iniziative per gli adulti, torna sabato 12 e domenica 13 ottobrePiccolo Mondo Antico Festival” che si rivolge ai più giovani con proposte nuove, inerenti il tema dell’edizione, ma anche appuntamenti già collaudati. Il tutto all’insegna del gioco, della creatività e del divertimento, in una narrazione che non potrà prescindere dall’esperienza e dal coinvolgimento plurisensoriale.

Ecco il programma degli appuntamenti per bambini e giovanissimi

Sabato 12 ottobre

Domus del Chirurgo dalle ore 10 alle ore 18
Mestieri e arti dall’antichità. L’affresco
Preparazione dei materiali ed esecuzione pittorica su supporto ligneo (pannelli).
A cura di Laboratorio Dimora Energia. Per ragazzi da 10 anni e adulti
È richiesta iscrizione entro il 7 ottobre tel. 338.8307779, info@dimoraenergia.com

dalle ore 10.30 alle ore 17.30 – Museo della Città e Piazza “L. Ferrari”
Nei panni del… legionario: Insieme ai legionari sperimentiamo come era configurato l’esercito romano e impariamo a muoverci in gruppo, come una squadra. A cura dell’Ass.Cult. Legio XIII Gemina-Rubico
Per bambini e ragazzi da 7 anni

ore 15.30
Nei panni del… ceramista: Uno degli antichi mestieri dell’uomo è al centro dell’attività in cui ciascun ragazzo crea un oggetto, ispirandosi alle tecniche antiche di forgiatura e di pittura. A cura di Evelina Garoni
Per bambini da 8 anni

ore 16
Nei panni del… mosaicista: Dall’antica Roma al mosaico moderno. I ragazzi si cimentano nella realizzazione di un mosaico impiegando gli strumenti e le tecniche tradizionali. A cura di Elisa Brighi
Per bambini da 5 anni

ore 16.30
Dire, fare, suonare… Costruisco il mio strumento: Il laboratorio intende sviluppare la capacità di utilizzare il suono e la materia sonora in maniera attiva e concreta arrivando alla costruzione di oggetti sonori e di suoni, promuovendo inventiva e manualità. A cura di Giacomo Depaoli
Per bambini da 4 anni (SALA CANEPA)

ore 17
Esperienze inedite al Museo: Workshop esperienziale in interazione con le opere e lo spazio museale. Il vissuto prende forma espressiva nella rielaborazione artistico-performativa, lasciando visivamente una traccia di Sé dentro il proprio tempo e dentro il tempo dell’altro, in modo più intimamente consapevole. Per ragazzi e adulti, a cura di Sonia Fabbrocino
È richiesta prenotazione tel. 340 3579828

ore 17
Arte 5 sensi! Quadri chiassosi, salati, profumati… Narrazione e atelier plurisensoriale alla scoperta dei mestieri rappresentati nei dipinti. Al termine la costruzione del Quadretto sonoro – odoroso. A cura di Cristina Sedioli
Per bambini da 3 anni

Domenica 13 ottobre

ore 15.30
Nei panni del… gioielliere. I primi ornamenti. I ragazzi si cimentano nella realizzazione di un gioiello pre-protostorico. A cura di Elisa Brighi e Evelina Garoni
Per bambini da 8 anni

ore 15.30
L’arte di sopravvivere. I bisogni e la vita dell’uomo preistorico, fra preparazione di armi e strumenti, caccia, pesca e raccolta di frutti. A cura di Stefano Sabattini
Per bambini da 7 anni

ore 16
Nei panni del… pescatore. Partendo dalle rappresentazioni del mare e dei pesci che in tutte le epoche testimoniano l’importanza della pesca per la città, il laboratorio sollecita la creatività nell’elaborare un simbolo di protezione per gli uomini di mare. A cura di Silvia Bertiè
Per bambini da 4 anni

ore 16 – Riccione, Museo del Territorio
Una ciotola dal passato. La ceramica dell’età del bronzo dallo scavo alla didattica.
Ispirandosi ai reperti esposti in museo i bambini creeranno una ciotola che decoreranno nel secondo appuntamento di domenica 20 ottobre (Un sorso di Medioevo. Plasmiamo l’argilla per creare un boccale “malatestiano”) in cui potranno anche realizzare un boccale decorato con simboli malatestiani. A cura di Andrea Tirincanti, Claudio Ugolini e Rocco D’Innocenzio
È richiesta prenotazione (tel. 0541 600113)

ore 16.30
Nel panni del… miniatore Mettendo in gioco la loro creatività, i partecipanti si cimentano nella riproduzione-interpretazione su pergamena del particolare di un’opera. L’attività approfondisce le tecniche di pittura e i materiali utilizzati dagli artisti miniatori nell’antichità e lungo il medioevo, partendo dal patrimonio della Biblioteca Gambalunga. A cura di Antonietta Corsini.
Per ragazzi e adulti anche in lingua inglese

ore 16.30
Lavorare ad Ariminum: Una caccia al tesoro alla scoperta delle attività artigianali e degli antichi mestieri dei cittadini di Ariminum, così come sono documentati nella Sezione archeologica del Museo. A cura di Romina Pozzi, Francesca Tentoni in collaborazione con Lucia Giannini e Perla Pari
Per bambini da 7 anni

ore 17
Sogno, arte, manualità dell’artista contemporaneo: Vuoi fare il regista come Fellini? Oppure il pittore come De Pisis? Qualsiasi sia il tuo sogno non dimenticare mai l’importanza della manualità nel mestiere dell’artista! Esploriamo l’innovativa tecnica del dripping, per decorare la copertina del tuo personale ‘Libro dei Sogni’. A cura di Martine Scalini
Per bambini da 8 anni e adulti

ore 17
Una coccinella tra le cornici del Museo: Seguendo il volo di una coccinella curiosa, andiamo alla scoperta delle cornici dei quadri del museo, per osservarne i particolari. A conclusione, con cartoncino, colla, stoffa, bottoni, tappi, colori, ognuno realizza la propria cornice. A cura di Silvia Monetti
Per bambini da 3 anni

E inoltre, grazie alla partecipazione della Legio XIII Gemina-Rubico nelle giornate del Festival, si puó incontrare alla Domus del Chirurgo antichi romani, cittadini di Ariminum e legionari!

Le attività sono gratuite e, ove non diversamente segnalato, si svolgono al Museo della Città (via L. Tonini, 1).
È richiesta prenotazione telefonica (ove non diversamente indicato tel 329.2103329 da lunedì a venerdì ore 9-13 e nei giorni del Festival).

Condividi

Comments are closed.