BIMBI SORRIDENTI – Nuove linee guida sul fluoro

0
Condividi

Prosegue la rubrica dedicata alle famiglie con bambini curata dallo staff medico della Clinica Merli. In questo articolo la dottoressa Romina Marcatelli fornisce preziose indicazioni sull’utilizzo del fluoro in età pediatrica. Se avete domande o richieste di approfondimenti, potete inviarli a info@bimbiarimini.it .

Che cos’è il fluoro?

Merli_fluoro 4Il fluoro è un elemento chimico molto diffuso in natura e per il nostro organismo rappresenta uno di quei sali minerali che, pur presenti in piccole quantità, svolgono funzioni biologiche importanti.

Dove si trova?

Lo si può trovare nei terreni, negli alimenti di origine sia vegetale che animale e, soprattutto, nell’acqua.

Tra gli alimenti contenenti fluoro ricordiamo principalmente pesce, frutti di mare, tè, uova, spinaci, carote, sale da cucina, pollo, uva secca. Il fluoro è inoltre contenuto in diversi prodotti come farmaci, integratori alimentari, dentifrici, collutori e gomme da masticare.

Qual è l’utilità del fluoro?

Il fluoro gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione della patologia cariosa, in quanto rinforza la struttura cristallina dello smalto e ne favorisce la remineralizzazione. Ha inoltre un effetto antimicrobico, perché diminuisce la capacità di adesione ai tessuti orali dei principali batteri responsabili della carie e il loro tempo di moltiplicazione.

Quali sono i metodi di somministrazione del fluoro?

Merli_fluoro1La fluoroprofilassi più efficace è ad azione topica, ovvero la sua applicazione direttamente sul dente. Può essere effettuata a qualunque età, dal momento che ha l’obiettivo di promuovere i  processi di remineralizzazione dello smalto, inibire la crescita batterica e la produzione di acidi.

Appena cresciuto il dente, il fluoro si può fissare sulla superficie dello smalto, soprattutto in presenza di tessuto demineralizzato, favorendo la remineralizzazione di lesioni cariose in fase iniziale. In fase più avanzata, quando la corona è ormai completamente formata, il fluoro può legarsi agli strati più superficiali del tessuto, rinforzandolo contro gli attacchi degli acidi.

Le metodiche di fluoroprofilassi topiche sono molteplici sia per uso domiciliare (dentifrici e collutori) che professionale (gel, vernici e materiali a lento rilascio di fluoro).

merli_fluoro3Secondo le ultime linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si consiglia di utilizzare una minima quantità di dentifricio al fluoro (la grandezza di una lenticchia!) due volte al giorno a partire dalla nascita dei primi dentini, intorno ai 6 mesi di vita. Solo nei casi di elevata cariorecettività o nei bambini che non utilizzano dentifricio, è possibile consigliare una fluoroprofilassi sistemica con somministrazione di gocce o compresse, in particolare tra i 4 e i 6 anni, periodo in cui avviene la mineralizzazione dei futuri molari permanenti. In ogni caso, spetta all’odontoiatra infantile personalizzare la somministrazione del fluoro in base all’esigenza del paziente, considerando anche il tipo di acqua (più o meno fluorata) consumata in famiglia.

A partire dai 6 anni si può associare all’utilizzo domiciliare di dentifricio anche l’azione di gel altamente concentrati al fluoro o l’applicazione di lacche protettive, applicate dallo specialista nelle zone più a rischio carie dopo le periodiche sedute d’igiene.

Può essere tossico il fluoro?

merli_fluoro_2Le reazioni tossiche al fluoro, acute croniche, dipendono dalla concentrazione, dalla durata e dalla frequenza dell’assunzione, dallo stato di salute del soggetto e dalla sua età e peso corporeo.

Un’assunzione eccessiva e protratta nel tempo di fluoro (acqua fluorata, dentifricio, supplementi fluorati, latte in formula) durante l’età pediatrica può essere causa di fluorosi dentale, patologia che si manifesta con macchie dello smalto. E’, quindi, consigliabile un’accurata supervisione della quantità di dentifricio fluorato somministrato al bambino nei primi anni di vita da parte del genitore per ridurre al minimo il rischio di fluorosi.

In conclusione, è possibile affermare che il fluoro resta a tutt’oggi un presidio di grande utilità nella prevenzione della patologia cariosa. L’azione topica è la più efficace e si può continuare tutta la vita, utile anche in età senile, per prevenire le carie radicolari.

Da non perdere…

Romina Marcatelli, laureata in odontoiatria a Bologna nel 2004, si occupa prevalentemente di odontoiatria pediatrica e collabora da diversi anni, come libera professionista, con la Clinica Merli a Rimini (viale Settembrini 17/o, tel. 0541 52025).

I suoi principali campi di aggiornamento sono la prevenzione, la cura e l’approccio psicologico dei piccoli pazienti, con particolare attenzione alle varie disabilità.

Per fornire utili informazioni alle famiglie, a misura di bimbo, è stato attivato dalla Clinica Merli anche un sito web dedicato

 

Condividi

Comments are closed.