BIMBI SORRIDENTI – La celiachia

0
Condividi

Continua la rubrica dedicata alle famiglie con bambini curata dallo staff della Clinica Merli. In questo articolo la dottoressa Eugenia Raffaelli, che si occupa di ortodonzia e odontoiatria infantile, spiega come questa malattia autoimmune abbia implicazioni rilevanti anche sui denti dei piccoli. Per domande o richieste di approfondimenti potete scrivere a info@bimbiarimini.it.

La celiachia è una malattia autoimmune frequente. È causata da una reazione dell’organismo alla gliadina, proteina presente nel grano, e a proteine simili che si trovano in altri cereali comuni, come avena, farro, orzo, segale e kamut.

Esistono più forme della malattia, alcune delle quali asintomatiche, per cui la diagnosi viene fatta con più difficoltà.

merli_denti_afta_4_bimbiarimini

Come diagnosticare la celiachia

I sintomi tipici sono diarrea, vomito, diminuzione del peso, anoressia, edema e distensione addominale.

I sintomi atipici sono dermatite erpetiforme (gli herpes che compaiono non solo sulle labbra), dolore addominale, deficit di crescita, ritardi di eruzione dentale, afte e demineralizzazioni dello smalto dei denti.

Per diagnosticarla, esistono tecniche invasive e tecniche non invasive. La tecnica non invasiva è il dosaggio degli anticorpi anti-gliadina nel sangue, la tecnica invasiva è invece l’analisi istologica su tessuto prelevato con l’esofago-gastro-duodenoscopica.

L’aumento delle tecniche non invasive ha permesso una strategia di screening della patologia per la diagnosi precoce.

Afte e difetti dello smalto i campanelli d’allarme

merli_denti_afta_bimbiariminiSpesso il cavo orale è la sentinella della malattia celiaca: le AFTE RICORRENTI (nel 10-40% dei soggetti) e i DIFETTI DELLO SMALTO (nel 25-96%) sono i campanelli d’allarme per la diagnosi.

Nel paziente celiaco le demineralizzazioni appaiono sui denti in formazione già all’età dello svezzamento (e quindi dell’introduzione del glutine nella dieta, intorno ai 6 mesi) e coinvolgono generalmente gli incisivi e i primi molari.

Lo smalto che presenta queste anomalie è maggiormente suscettibile all’attacco batterico e quindi all’insorgenza di carie.

Collaborazione fra odontoiatra infantile e pediatra

merli_denti_afta_2_bimbiariminiAltri segni della celiachia nel bambino sono RITARDO NELL’ERUZIONE DEI DENTI e LICHEN PLANUS (malattia mucocutanea di origine immunitaria) nell’adulto.

L’odontoiatra infantile può collaborare con il pediatra segnalando i casi sospetti per un eventuale approfondimento diagnostico.

Eugenia Raffaelli, laureata in odontoiatria a Bologna nel 2013 e diplomata in ortodonzia ad Aarhus (Danimarca), si occupa prevalentemente di ortodonzia e odontoiatria infantile e collabora, come libera professionista, con la Clinica Merli a Rimini (viale Settembrini 17/o, tel. 0541 52025).

Condividi

Comments are closed.