Castello di Gropparello, un emozionante viaggio nel tempo

0
Condividi

Vuoi incontrare Frate Archibald, scoprire il potere delle pietre magiche del bosco con Artemisio, oppure conoscere la Fatina? O diventare cavaliere e combattere l’Orco e la Strega? O conoscere i segreti di una fortezza medievale? Il Castello di Gropparello, con il suo Parco delle Fiabe, é un posto che i bambini – ma anche gli adulti – non possono perdere. Vi abbiamo trascorso una bella domenica, ecco cosa vi aspetta…

Già da un po’ era nella nostra “lista di desiderata” il Castello di Gropparello, che si trova in provincia di Piacenza, nel Parco Naturale delle Gole del Vezzeno, zona circondata da una natura selvaggia e ricca di castelli e borghi antichi. Qui sorge il Parco delle Fiabe, il “primo parco emotivo in Italia”, come viene definito. Allora in una domenica d’autunno l’abbiamo provato…

gropparello 12

Un castello tra rocce millenarie e alberi secolari

Si narra che il castello di Gropparello fu teatro di una tragica vicenda. Verso la metà del Duecento era signore di queste zone Pietrone da Cagnano, che, partito per un viaggio nei propri possedimenti, lasciò sola la bella moglie Rosania Fulgosio. Approfittando della situazione, Lancillotto Bracciforte, capitano del marchese Pallavicino, prese d’assedio il castello, ma affascinato dalla bellezza della giovane castellana se ne innamorò e desistette dai propri propositi belligeranti. Ricambiato da Rosania, i due divennero amanti e Pietrone, informato dell’accaduto da una perfida serva, mise a punto la sua atroce vendetta. Narcotizzata la moglie durante il suo ultimo sontuoso banchetto, la murò viva nelle segrete del castello ed ancora oggi, specie nelle notti di vento, si sente una voce invocare aiuto…

gropparello 19

Intanto il castello é ottimamente conservato… e attualmente è di proprietà della famiglia Gibelli che la ha aperto al pubblico, trasformando Gropparello nel parco delle Fiabe.

Perdersi nel bosco

A Gropparello c’è tutto un mondo dedicato ai bambini… Quando si entra nella struttura, subito ci si immerge nell’atmosfera fiabesca, con un accampamento di cavalieri in attesa, tra armi, elmi e altri strumenti del passato. Allora, nel caso in cui si debba aspettare per entrare nel Bosco delle Fiabe (i turni sono ogni mezz’ora o ora, a seconda del numero di visitatori) subito può provare come combattevano nel Medioevo.

Poi arriva il cavaliere Guglielmo e ti guida alla capanna del boscaiolo Aginulfo (amante del vino e non proprio lucidissimo…), poi ‘i pellegrini’ fanno conoscenza con Frate Archibald, con il minatore Baldo e la pietra magica, Artemisio, il Mago del Bosco (con la barba lunga stile Merlino), il Folletto e la Strega, la Fatina e Orco, che altri non è che un cavaliere vittima di un perfido incantesimo della strega malvagia. I personaggi compaiono uno alla volta per accompagnare tutti attraverso il bosco, tra risate e avventure, così da conoscere le creature fatate che abitano o si aggirano fra questi altissimi alberi secolari.

gropparello 2

gropparello 3

gropparello 13

gropparello 4

gropparello 6

gropparello 16

Il calice della pace é stato rubato…  tutti in armatura

Quale bambino non vuole partecipare a una battaglia e vincere contro i cattivi? Arriva il Cavaliere Zenobio, e i bimbi si vestono da cavalieri, armati con le spade ascoltano a bocca aperta – quasi incantati – che cosa é successo nel Castello di Gropparello. Il Calice della Pace é stato rubato, e i piccoli soldati devono ritrovarlo, altrimenti tutto é finito e il male prenderà il controllo del bosco…

gropparello 8

gropparello 7

Allora non rimane altro che andare sul campo di battaglia, neutralizzare l’Orco, farlo diventare proprio alleato per poter poi affrontare la Strega e la Nera Creatura del Bosco… Non é facile. Ma i coraggiosi bambini accettano la sfida (anche se qualcuno dei piccoli si lascia andare a una lacrimuccia e cerca conforto nei “veterani”…) e alla fine il prezioso Calice può ritornare al Castello, cosicché la pace regna nella zona. E per i valorosi soldati c’è l’investitura a cavalieri da parte di Zenobio, con tanto di pergamena, a rendere ancor più impresso questo momento nella mente dei bimbi.

Il castello, dove il tempo si è fermato

In attesa della visita guidata al castello di Gropparello, i bimbi hanno provato le armi, hanno indossato l’armatura pesante, hanno formulato varie domande ai ‘cavalieri’ medievali, allora quando è giunto il nostro turno (ogni mezz’ora o ora parte la visita guidata, secondo il numero dei visitatori) due piccoli “cavalieri” preparati passavano il ponte levatoio che introduce al castello.

gropparello 17

Dopo aver ascoltato la storia del castello, come é stato difeso dai nemici grazie anche all’esser costruito su rocce di origine vulcanica, siamo entrati nella torre di guardia, pressoché inespugnabile, che i soldati (uno o due) potevano difendere per mesi e mesi, da soli. Sembra impossibile – in primis agli occhi dei bambini – come potevano viverci all’epoca quando nella torre mancava la scala (oggi ce n’è una stretta, a chiocciola, realizzata in epoca rinascimentale), ma c’é l’hanno fatta. Dalla vetta si può ammirare un bel paesaggio e dominare la vallata, tanto che, in una giornata chiara, si possono vedere persino le Prealpi…

gropparello 9

gropparello 18

Poi, scendendo, siamo entrati nella parte nobile, la Sala delle Armi, ovvero la sala di rappresentanza, la più grande del castello, che allora dava spazio alla ‘Tavola dei Re‘, con un esempio concreto di un banchetto dei tempi antichi, descritto pietanza per pietanza da una giovane nobildonna in costume.

gropparello 10

Quindi la visita di alcune stanze del castello, la Sala del camino (quella dove si pranzava ogni giorno) con stucchi e decorazioni finissime, la Stanza della Musica e persino la cucina, con la possibilità di vedere all’opera servi e cuochi e anche assaggiare alcuni cibi.

gropparello 24

gropparello 25

gropparello 11

Merlino, Halloween, Natale…

Durante l’anno al Castello vengono organizzate diverse attività dedicate alle scolaresche e alle famiglie con bambini, così in particolare domenica 22 ottobre ‘Una giornata al Parco delle Fiabe’, domenica 29 ottobre, domenica 5, 12 e 19 novembre (ma anche mercoledì 1 novembre) si può incontrare Merlino, il signore dell’Immortalitá. Poi il giorno di Halloween (martedì 31 ottobre) un percorso horror nel bosco e nel castello aspetta le famiglie, mentre in dicembre si puó vivere la magia del Natale incantato…

Per il calendario completo clicca qui

Info utili:

  • la domenica e nei giorni festivi la biglietteria del Parco delle Fiabe è aperta dalle 10 alle 17,30, poi a fine ottobre sino alle 17. Il costo del biglietto é 19,50 euro per gli adulti, 16 euro per i bambini.
  • La prenotazione é consigliata: tel. 0523 855814, info@castellodigropparello.it
Condividi

Comments are closed.