Una gita nel segno della Befana

0
Condividi

Sabato 6 gennaio arriva l’Epifania “che tutte le feste si porta via”, ma se volete festeggiare questa giornata in modo diverso, facendo un piccolo ‘viaggio a tema’, ecco qualche proposta di mete dove potete incontrare la ‘vecchia’.

1.

Fino al 6 gennaio si celebra a Urbania la Festa Nazionale della Befana. Tante le novitá: aumentano gli spettacoli, si confermano i record della calza più lunga del mondo e della Sciarpa dell’Amore e resiste il grande classico della discesa dal campanile, il completamento della Casa della Befana…

Per i dettagli clicca qui

2.

Sabato 6 gennaio fatevi trovare nel borgo trecentesco di Grazzano Visconti se non volete perdervi “Viva viva la Befana”, una giornata ricca di eventi a tema che concludono il programma delle festività del borgo. Mercatino della befana, caldarroste, leccornie e vin brulè, street food, visite speciali nel parco del castello, vi accompagnano fino a sera al momento dell’arrivo della Befana buona, che sarà accompagnata dallo Spazzacamino disoccupato. La serata prosegue con uno special Flash Mob Befana e il grande Falò “Brusa la Vecia” per bruciare appunto la “befanaccia” cattiva.

3.

Al Castello di Gropparello, in provincia di Piacenza, la Befana si festeggia tra avventure, boschi incantati e formule magiche. Sabato 6 gennaio la Befana, sulle colline piacentine, chiama a raccolta tutti i bambini e le bambine per metterli alla prova. Una grande avventura nel bosco per combattere orchi e streghe e difendere il feudo dagli attacchi del Male, e poi il Ricevimento dei piccoli Cavalieri e delle piccole Dame nel Salone delle Feste, dove dovranno affrontare la Disfida della Befana, difendendosi con l’arma delle buone azioni fatte nell’anno, raccogliendo il coraggio necessario per affrontare le prove che la befana gli imporrà.

4.

Tutti i guai si porta via anche la Vecia bruciata a San Matteo della Decima il 5 e 6 gennaio. É uno degli appuntamenti più tradizionali quello che vede bruciare nella campagna grandi fantocci di paglia alti una decina di metri e raffiguranti “La Vècia” (Vecchia), un’occasione per ritrovarsi intorno al fuoco in compagnia e gustare le bontà semplici della tradizione come vin brulè, vino, pane o crescente con salamini, ciccioli e mortadella.

La “vecchia” che brucia rappresenta l’anno trascorso, dalle cui ceneri nascerà quello nuovo. I dolci che porta la Befana rappresentano i semi, i doni dell’anno a venire, la scopa è lo strumento che serve per spazzare via l’anno vecchio e le calze rotte rappresentano il cammino.

5.

Venerdí 5 e sabato 6 gennaio Comacchio anima il centro con Avan le Vacie e vi aspetta la sfilata delle befane, i mercatini dell’epifania con dolci, libri ed esposizioni di artigianali e per concludere uno spettacolo piro-musicale. Il tutto con ingresso gratuito e divertimenti per le persone di tutte le età.

Condividi

Comments are closed.